Daniele De Rossi, campione del mondo con la Nazionale italiana di calcio nel 2006 e allenatore della Spal (foto Shutterstock.com)

L’esordio da allenatore di De Rossi termina con un pareggio per 0-0, coi biancazzurri, in superiorità numerica per un tempo intero, che non vanno mai vicini al vantaggio 

La prima di mister De Rossi sulla panchina della Spal dopo l’esonero di Venturato, termina con un pareggio a reti inviolate in casa del Cittadella. Allo stadio “Tombolato”, i biancazzurri, sebbene in superiorità numerica per un tempo, non riescono a superare i padroni di casa, al termine di una partita noiosa e con poche occasioni. 

Nei primi istanti del match, i biancazzurri si riversano nell’area veneta e, per poco, non si portano in vantaggio sfruttando una mischia in area. Sul ribaltamento di fronte, però, sono i granata ad avere, forse, la migliore occasione della sfida: Antonucci si lancia in campo aperto e, sulla trequarti, ricevuto un lancio dalla difesa che scavalca la retroguardia spallina, si presenta a tu per tu con Alfonso, ex del match come tanti altri giocatori della Spal, all’altezza del dischetto dell’area. La sua conclusione, una sorta di rigore in movimento, però, finisce alta, scheggiando la traversa. I granata, poi, continuano a manovrare il gioco, andando vicini al vantaggio in un paio di occasione, prima con un traversone tagliato dalla destra e, poi, con un tiro dal limite dell’area di rigore. La Spal, però, superata la metà della prima frazione di gioco, riesce a rimettere la testa in avanti, facendosi vedere dalle parti di Kastrati, sebbene senza creare troppi grattacapi all’estremo difensore veneto. Il Cittadella prova a sfruttare qualche contropiede ma, a un minuto dall’intervallo, rimane in dieci uomini per la doppia ammonizione di Danzi. 

Il secondo tempo segue lo stesso copione del primo, con entrambe le squadre che provano a spingersi in avanti per trovare la rete del vantaggio, nonostante la superiorità numerica degli estensi. Se la Spal si fa vedere con un debole tiro da fuori area di Moncini, facilmente parato dal portiere granata; i padroni di casa, ci provano, soprattutto, con qualche cross e con qualche corner, che spesso creano non pochi grattacapi alla retroguardia ferrarese. Nei minuti finali, però, i veneti iniziano un forcing che li avvicina all’1-0. L’occasione più limpida ce l’ha Tounkara che, dal vertice sinistro dell’area piccola, lascia partire un tiro rasoterra, ottimamente respinto da Alfonso. Dopo cinque minuti di recupero, però, il punteggio è ancora bloccato sullo 0-0, con Cittadella e Spal che si dividono la posta in palio, raggiungendo entrambe quota dieci punti in classifica. Da segnalare, dopo il triplice fischio finale, l’espulsione diretta di Branca, capitano dei granata, reo di aver calpestato, Esposito, centrocampista estense, mentre era a terra dopo aver subito un fallo dallo stesso giocatore dei veneti.   

I biancazzurri torneranno in campo sabato 22 ottobre, con mister De Rossi che debutterà al “Mazza” di Ferrara, alle 14, contro il Cosenza, attualmente in dodicesima posizione in classifica con un punto in più della Spal.