Baura: terminati nei tempi previsti i lavori di ripristino degli argini franati sul canale Naviglio
Nella foto il canale Naviglio a lavori terminati

Tra gli interventi che hanno interessato Baura anche il ripristino della funzionalità idraulica di una condotta Finsider sempre sul canale consorziale Naviglio

–Conclusi a Baura i lavori di ripristino delle frane sul Canale Naviglio: tre interventi che hanno interessato un chilometro di sponde per un impegno economico di quasi 300mila euro e sono stati ultimati nei tempi previsti. Nel dettaglio gli interventi sono stati realizzati in via Pontegradella e in via Scornia grazie ai fondi post alluvione previsti dall’ordinanza 8/2023 del Generale Francesco Paolo Figliuolo, mentre in via dell’Unione c’è stata una compartecipazione dei costi al 50% tra Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara e Comune di Ferrara.

Tra gli interventi che hanno interessato Baura anche il ripristino della funzionalità idraulica di una condotta Finsider sempre sul canale
consorziale Naviglio, un’opera da 500mila finanziata dal Comune grazie ai fondi del PNRR. Si tratta di lavori urgenti ed essenziali per la difesa idraulica del territorio e la sicurezza delle persone, come ha spiegato il presidente del Consorzio Stefano Calderoni. “La nostra rete di canali ha una dimensione tale che richiede manutenzione continua, sia ordinaria e straordinaria, soprattutto quando viene sottoposta a fenomeni atmosferici intensi come è accaduto nel 2023. Non mi stancherò mai di sottolineare che viviamo in un
territorio fragile, che va costantemente difeso per la sicurezza dei cittadini, in primo luogo,
e anche per garantire la viabilità.

Con gli interventi a Baura, ultimati nei tempi previsti, abbiamo consentito che via Pontegradella venisse riaperta al traffico in entrambi i sensi di marcia e anche la piazza, interessata dalla sostituzione della condotta idraulica è ora pienamente accessibile anche se sarà interessata da un altro micro-intervento di circa 40 metri al termine della stagione irrigua. Sempre in autunno ci sarà il secondo stralcio di ripristino degli argini franati in Via Pontegradella, sempre finanziato dai fondi post-alluvione: parliamo di 745mila euro per la sistemazione di oltre due chilometri di sponde che verranno realizzati in 7 mesi di lavori continuativi. Anche su Via dell’Unione sono previsti ulteriori interventi su un altro tratto del canale di circa 400 metri, sempre in collaborazione con il Comune di Ferrara”.
Una partnership importante quella con il Comune per assicurare alle persone un territorio sempre più sicuro, come spiega l’assessore a Lavori Pubblici Piano strategico, Recovery Fund del Comune di Ferrara, Andrea Maggi. “L’intervento di ripristino delle frane sul canale Naviglio, molto richiesto dalla popolazione, era necessario per la sicurezza, il decoro e l’igiene sanitaria di questa importante frazione di Ferrara e per migliorare la funzionalità idraulica di una condotta strategica per il nostro Comune. 

Grazie ai Fondi intercettati con il PNRR abbiamo finanziato i lavori per mezzo milione di euro, vincendo il bando per la messa in sicurezza del territorio.  Nel complesso, i bandi europei che ci siamo aggiudicati ammontano a circa 140 milioni di euro: si tratta di una cifra straordinaria con la quale stiamo intervenendo sia in città sia in periferia con importanti investimenti anche per la realizzazione di nuove strutture. La fattiva e concreta collaborazione con il Consorzio di Bonifica ha portato anche in questo caso a una proficua sinergia che si concretizza in importanti lavori necessari per la tutela del nostro territorio”.