Il gruppo che ha partecipato al premio Vancini

Gli studenti hanno prodotto elaborati, realizzato video, partecipato a seminari di orientamento o a concorsi a premio

12 scuole, 41 classi, 850 studenti dal primo anno delle medie all’ultimo delle superiori. Sono questi i numeri dell’anno scolastico di Cna Ferrara, che da settembre 2022 a maggio 2023 ha coinvolto nelle proprie iniziative, in collaborazione con le scuole, centinaia di ragazze e ragazzi di tutte le età.

Grazie alle iniziative di Cna Ferrara e di Cna Formazione Emilia-Romagna gli studenti hanno prodotto elaborati, realizzato video, partecipato a seminari di orientamento o a concorsi a premio. Si sono confrontati con i temi di maggiore attualità e si sono avvicinati al mondo dell’impresa che un giorno potrebbe essere, per loro, un’interessante opportunità di lavoro.

“Agli oltre 850 giovani ferraresi che hanno partecipato alle nostre iniziative vanno aggiunti gli studenti, circa 200, delle 13 scuole di tutta Italia che hanno partecipato al contest “Italian Schools Challenge” organizzato in collaborazione con l’IT Copernico-Carpeggiani e dedicato alla lotta contro la violenza sulle donne” spiega la responsabile Cna per i rapporti con le scuole Silvia Merli.

Davvero tante le occasioni create da Cna a beneficio delle scuole e degli studenti. Tre i premi: oltre all’Italian Schools Challenge, il Premio Vancini per la realizzazione di video ispirati ai temi e alla poetica di Florestano Vancini, organizzato in collaborazione con Controluce Produzione e Ferrara La città del Cinema; e il premio “Intraprendenti, Percorsi virtuosi tra scuola e impresa”, in cui i ragazzi sono stati chiamati a realizzare storytelling in video dopo aver visitato imprese e incontrato imprenditori. Numerosi i progetti speciali, che hanno abbracciato i temi e le discipline più varie: dal cinema, una scolaresca del Liceo Carducci ha addirittura portato un proprio cortometraggio al Bellaria Film Festival, alla lavorazione e riciclo dei polimeri; dalla ceramica graffita all’utilizzo delle tecnologie audio e luci; dalla videoarte alla gastronomia 4.0. Non sono mancate occasioni di vero e proprio orientamento al lavoro attraverso la presentazione di esperienze imprenditoriali.

In sostanza, le iniziative di Cna hanno coinvolto tutto il territorio provinciale rivolgendosi, tanto ai licei quanto agli istituti tecnici ed ai professionali, quanto alle scuole medie, in accordo con i relativi interessi specifici. Questi gli istituti che hanno partecipato: Liceo L. Ariosto;  IIS L. Einaudi; Liceo G. Carducci; IIS Rita Levi Montalcini, Argenta; Liceo A. Roiti; IT Copernico Carpeggiani; IT V. Bachelet; ISS Vergani-Navarra; IIS F.lli Taddia, Cento; IIS Aleotti-Dossi; Scuola media Il Guercino, Cento; Scuola Media M.M. Boiardo.

“Speriamo di essere riusciti, spiega ancora Silvia Merli, a fornire loro una visione realistica ma non deprimente delle sfide e delle opportunità che potrebbero incontrare nel mondo del lavoro e dell’impresa dei prossimi anni. Speriamo di aver contribuito alla creazione di uno spirito critico e alla costruzione di un approccio etico e responsabile nei confronti di sé e degli altri, alle scelte professionali che compiranno. Il tutto avendo ben chiaro che ogni mestiere, professione, iniziativa imprenditoriale ha valore e dignità e che ogni passione, talento, interesse può diventare un mestiere. Con la consapevolezza che si può sempre cambiare idea e che fallire può far parte di un percorso di crescita, a patto di non arrendersi e sapersi rialzare”.