Ospedale del delta di Lagosanto: completati i lavori per la realizzazione della nuova camera calda
Nella foto l'ingresso della nuova camera calda dell'ospedale del delta

Si tratta dell’ultimo tassello che completa l’integrale rinnovo del DEA dell’ospedale del Delta

Completati i lavori per la realizzazione della nuova “camera calda” e dei servizi logistici per le ambulanze dell’Ospedale di Lagosanto: dopo i necessari collaudi la struttura, realizzata a corredo del nuovo DEA, potrà entrare in funzione.

L’intervento principale, inaugurato meno di un anno fa, riguarda il Pronto soccorso ed è stato realizzato in due fasi, la prima delle quali – propedeutica all’intervento maggiore – comprendeva la realizzazione di una nuova camera calda “d’appoggio” che durante i lavori ha svolto le funzioni di accesso al Pronto Soccorso provvisorio e che, cessata la funzione provvisoria, rimarrà come ulteriore accesso all’ospedale per tutti i pazienti che necessitano di un ingresso protetto. Contestualmente è stata riqualificata anche l’area dedicata agli spogliatoi del personale.

Nella seconda fase il cantiere si è spostato all’interno del Pronto soccorso, dove è stata attuata una radicale trasformazione degli spazi interni e dei relativi impianti.

Il nuovo Pronto Soccorso, inaugurato nel luglio scorso, dispone di percorsi di accesso separati secondo i codici di priorità definiti al triage, di spazi di lavoro organizzati in “open space” – utili a sviluppare una nuova modalità di accoglienza e trattamento dei pazienti – e di due sale “codice rosso” per i pazienti più gravi.

L’ultima parte dei lavori, quelli ora terminati, integra la progettualità con l’ulteriore finanziamento derivante dal DL 34/20 (€ 780.000,00 circa), e realizzando quindi il raddoppio della camera calda e nuovi locali coperti destinati al supporto logistico per i mezzi di soccorso.

Si tratta dunque dell’ultimo tassello che completa l’integrale rinnovo del DEA dell’ospedale del Delta.

Il lavoro complessivo ha richiesto un investimento di circa 2.8 milioni e la nuova struttura logistica, completata la fase di collaudo ed attivazione, potrà entrare in funzione alla fine del mese di giugno.