Nuova nomina per la Direzione Riabilitazione territoriale di Azienda USL di Ferrara
Nella foto la dottoressa Elisabetta Zucchini

La dottoressa Zucchini subentra alla dottoressa Stefania Degli Esposti

Nuova nomina per la Direzione Riabilitazione territoriale di Azienda USL di Ferrara, la cui guida è stata affidata alla dottoressa Elisabetta Zucchini.

Si dovrà occupare della giovane Unità Operativa, istituita dall’Azienda nel 2022 per dare vita a una serie di servizi che vogliono essere sempre più vicini ai cittadini. La caratteristica che li accomuna è la presa in carico progettuale del paziente. In altre parole, un’attenzione particolare è rivolta a fornire gli strumenti necessari per garantire una qualità della vita elevata dopo un incidente o una malattia.

“Il team riabilitativo multiprofessionale – dice Zucchini – ha un’importante sfida da affrontare che riguarda l’utilizzo della teleriabilitazione. È una tecnologia su cui è stato fatto un grosso investimento da parte dell’Azienda e che comporterà una cruciale evoluzione tecnologica nell’ambito riabilitativo anche nella gestione delle cronicità.

Vengo da una lunga esperienza in ambito riabilitativo sia ospedaliera che territoriale – continua la nuova direttrice – che voglio mettere a disposizione per favorire al meglio la continuità ambulatoriale e domiciliare dei pazienti con progetto riabilitativo dimessi dall’ospedale.
Inizio con entusiasmo questa nuova collaborazione – conclude – per affrontare insieme la riorganizzazione della rete riabilitativa territoriale”.

La dottoressa Zucchini è stata responsabile di “Gestione dell’attività riabilitativa ospedaliera e territoriale” dal 2018 fino a oggi presso AUSL Modena, dove ha lavorato sia in attività di reparto che di ambulatorio fin dal 1999. Responsabile della qualità presso la propria UO e del Dipartimento di Medicina e Riabilitazione, si è occupata inoltre dei percorsi per la presa in carico dei pazienti dimessi dall’ospedale con patologie neurologiche e ortopediche, di medicina di genere e di formazione.

Dal 2000 a al 2024 è stata referente dell’ambulatorio per la prevenzione, diagnosi e cura dell’osteoporosi come centro di riferimento della SIOMMMS (Società Italiana dell’Osteoporosi, del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro).

La UO Riabilitazione territoriale è parte integrante di una rete composta da infermieri di famiglia, infermieri di comunità, medici di medicina generale e infermieri domiciliari.