(Shutterstock)

Il vaccino Pfizer adattato a copertura della variante Omicron è previsto per chi ancora non ha ricevuto la terza dose e i destinatari della quarta

Al via oggi, lunedì 12 settembre, la somministrazione del vaccino Pfizer adattato a copertura della variante Omicron contro il Covid anche a Ferrara. E, sempre da oggi, è possibile prenotarlo secondo i consueti canali. Come da disposizioni, il nuovo vaccino sarà utilizzato per “immunizzare” il personale sanitario e per i soggetti fragili.

Il nuovo vaccino è previsto per chi ancora non ha ricevuto la terza dose e i destinatari della quarta; mentre per il ciclo primario (prima e seconda dose) si continuerà ad utilizzare la tipologia di vaccini precedente, e le modalità di accesso restano invariate. La nuova tipologia è stata infatti progettata come “richiamo” della versione precedente.

Chi può ricevere il nuovo vaccino

L’utilizzo di questa tipologia di vaccino è previsto “come dose di richiamo per tutti i soggetti di età superiore a 12 anni, che abbiano completato un ciclo primario di vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19: cioè i soggetti ancora in attesa di ricevere la prima dose booster (cosiddetta terza dose) e quelli indicati dal ministero destinatari della seconda dose booster (cosiddetta quarta dose) e cioè persone over 60 anni, soggetti con determinate gravi condizioni, operatori sanitari, donne  in gravidanza e operatori ed ospiti di strutture residenziali per anziani”.

La somministrazione della dose di richiamo con il vaccino adattato deve essere trascorso un intervallo minimo di almeno quattro mesi (120 giorni) dal completamento del ciclo primario o dalla dose booster o dall’ultima infezione successiva al richiamo (data test positivo).

La somministrazione

Il vaccino Pfizer adattato a copertura della variante Omicron, del quale a Ferrara sono arrivate (ad ora) 25.940 dosi, sarà somministrato a chi, avendo le sopra citate caratteristiche per riceverlo, ha la terza o la quarta dose prenotate da oggi in poi, o si presenterà  ad accesso diretto.

Per la vaccinazione sarà necessario portare con sé la tessera sanitaria e la documentazione attestante l’effettuazione delle due o tre precedenti dosi, e il personale sanitario provvederà, condividendolo con l’utente stesso, ad inoculare il nuovo vaccino. 

La prenotazione

Da oggi, secondo i consueti canali (consultabili qui sul sito dell’Ausl), è possibile prenotare la vaccinazione con il nuovo vaccino. 

Sarà sufficiente effettuare una semplice prenotazione poi al momento della somministrazione, così come per l’accesso diretto, sarà il personale incaricato ad utilizzare direttamente il nuovo vaccino. Si ricorda che, se il proprio medico di medicina generale aderisce alla campagna, è possibile effettuare anche così la vaccinazione, concordando prima direttamente con lui le modalità.