Vaccinazioni, infermiera

Il nuovo punto verrà aperto presso il velodromo. Le novità per semplificare test e tracciamento dalla Regione

Continuano costanti le dosi giornaliere somministrate nella provincia di Ferrara e, fra le dosi booster e l’aumento delle prime dosi, è diventato necessario potenziare ancora di più l’offerta, anche per le vaccinazioni della fascia 5-11 anni. Saranno dunque attivati 3 open day nei prossimi weekend e un nuovo punto vaccinale verrà aperto presso il velodromo, infine l’hub Fiera eseguirà anche il turno serale.

Nei prossimi giorni arriveremo ad offrire circa 1.100 dosi in più al giorno – ha spiegato la direttrice generale Ausl Monica Calamai – che si aggiungono alle circa 3.600 giornaliere che stiamo già garantendo. Tutto questo grazie allo sforzo degli operatori impegnati su mille fronti e che colgo occasione per ringraziarli”.

Test e tracciamento

Per cercare di semplificare l’imponente attività di testing e tracciamento, la Regione Emilia Romagna ha introdotto alcune novità.

In accordo con farmacie – ha spiegato Clelia De Sisti, direttrice del Dipartimento di Sanità Pubblica – le persone, esclusivamente asintomatiche, possono recarsi per effettuare i tamponi per screening, fine isolamento o contatto stretto di positivi. Qualora il tampone dovesse dare esisto positivo l’isolamento sarà diversificato a seconda dello stato vaccinale o della eventuale guarigione da covid e la farmacia potrà prenotare direttamente il tampone (in questo caso gratuito) di fine isolamento al settimo o decimo giorno”.

Se il tampone sarà negativo – ha chiarito la De Sisti – verrà rilasciato dalla farmacia il certificato di guarigione che comporta la riattivazione del Green Pass (che spetta al Ministero e che parte con un automatismo). Si potrà dunque uscire ma è necessario aspettare il Green pass per tutte quelle attività per le quali è richiesto”.

Fondamentale in questa fase dunque automatizzare una serie di funzioni in forte integrazione con le farmacie stesse con l’obiettivo di semplificare alcune attività. “Stiamo predisponendo – ha spiegato Luca Chiarini, direttore Servizio Comune ICT Ausl – uns istema per inviare in automatico le lettere di inizio isolamento, l’sms che arriva la cittadino con l’esito tampone positivo, e ancora sms con l’appuntamento per eventuale tampone molecolare. Va ricordato – ha concluso Chiarini – che queste funzionalità che stiamo mettendo in piedi per agevolare servizi aziendali sono sempre integrate con il fascicolo sanitario elettronico e la piattaforma Sole”.

Il modello è rodato, siamo abituati a gestire numeri importanti di richieste di tamponi – ha messo in evidenza Stefania Menegatti, presidente Federfarma Ferrara -. Richieste che sono aumentate in maniera esponenziale con le feste e, dopo le novità introdotte dalla Regione, ancora di più. Voglio però rassicurare i cittadini – ha proseguito Menegatti – perchè le farmacie che Federfarma rappresenta sono su tutto il territorio provinciale, ci stiamo organizzando soprattutto su appuntamento anche se cerchiamo di dare risposte anche alle “urgenze” ricordando che noi gestiamo tutti coloro che vengono a fare screening, contatti stretti e chiusure, ma i sintomatici devono rivolgersi al proprio medico o pediatra di libera scelta”.

Abbiamo lavorato su più fronti affiancandoci all’offerta delle farmacia per cercare di garantire la stessa prossimità anche nell’offerta aziendale”. A fare il punto sul potenziamento del servizio messo in campo dall’Azienda Usl pel l’effettuazione dei tamponi è stata Marika Colombi, dir. Infermieristico-Tecnica Ausl Ferrara. “Raggiungeremo la massima capacità dal 17 gennaio aumentando l’attività sui 5 tampon drive distribuiti sul territorio per arrivare ad eseguire ogni giorno, dal lunedì alla domenica, circa 1400-1800 tamponi al giorno”.

Si sta lavorando in questi giorni – ha concluso Colombi – anche per diversificare l’offerta e introdurre anche i tamponi antigenici per velocizzare ulteriormente la risposta ai cittadini nella nostra realtà”, tenendo in considerazione che molecolari e antigenici sono sovrapponibili e che nella nostra provincia è stata rilevata un coincidenza di esito tra i due del 96%, spiegano dall’Ausl.

Quarantena e isolamento