immagine di repertorio

La direttrice generale AUSL: “Dalla creazione di questi primariati emerge la forte spinta verso la medicina territoriale

Via libera dalla Regione Emilia-Romagna all’istituzione di sette nuove Unità Operative per l’Azienda USL di Ferrara, al fine di dare guida stabile ai servizi e per una presa in carico sempre più efficace, efficiente ed innovativa alla cittadinanza.

L’assessorato alle Politiche per la Salute della Regione ha infatti autorizzato la creazione dei seguenti Primariati:

  • Urologia,
  • Procreazione Medicalmente Assistita (PMA),
  • Nutrizione Clinica,
  • Riabilitazione Territoriale,
  • Malattie Infettive Territoriali,
  • Pneumologia Territoriale,
  • Cure Palliative. 

È un assetto funzionale per la nostra azienda e per l’intero territorio – spiega la direttrice generale AUSL Monica Calamai – perché va nella direzione di proseguire l’impegno a garantire una guida stabile a importanti settori aziendali, anche attraverso l’identificazione di nuove aree di responsabilità. La differenza la fanno però le persone, quindi siamo pronti a valutare i profili professionali più competenti per dirigere queste strutture a servizio di una risposta unitaria ed efficiente alla comunità”. 

“Non passa inosservata – continua la dottoressa Calamai – la forte spinta verso la medicina territoriale, che emerge da questi primariati, e la cosa non è casuale né scontata: nel PNRR, così come nel Piano Sanitario Regionale, questa parte della sanità riveste infatti un ruolo fondamentale per disegnare un futuro della presa in carico sempre più vicina al paziente e alla sua famiglia”. 

A seguito dell’autorizzazione regionale, quindi, sarà possibile avviare le procedure per la copertura dei posti e bandire i relativi concorsi per il conferimento di incarichi di direttore di Struttura Complessa, che partiranno nei tempi più rapidi possibile.