Dalla prossima settimana saranno rivisti giorni e orari di apertura delle 5 sedi vaccinali. Presidi per vaccinarsi contro il Covid anche a sagre e fiere

Nell’ottica di rimodulare la campagna vaccinale anti-Covid per cercare di raggiungere sempre più persone e di “avvicinare” l’opportunità di vaccinare, e contestualmente anche per ottimizzare il più possibile le risorse a disposizione, a partire dalla prossima settimana saranno rivisti giorni ed orari di apertura delle sedi vaccinali.

cinque hub vaccinali resteranno aperti nelle giornate di lunedì, mercoledì e venerdì a Ferrara Fiera (dalle ore 8 alle 20), Codigoro, Argenta e Comacchio (dalle 8 alle 14) e Cento (dalle 14 alle 20), sia per le vaccinazioni programmate (con appuntamento) sia per gli accessi diretti (senza appuntamento). Ad eccezione di Argenta che anche per il prossimo weekend (11 e 12 settembre) sarà operativo in quanto sono già state programmate delle vaccinazioni. 

Contestualmente, come già annunciato, l’Azienda USL di Ferrara organizzerà sempre maggiori occasioni di vaccinazione “di prossimità”, ad esempio presso fiere di paese e altre occasioni di incontro.

Già questo fine settimana vi saranno tre opportunità in questo senso, gli Open Day saranno:

  • sagra di Migliarino a Fiscaglia: vaccinazioni ad accesso diretto sabato 4 e domenica 5 dalle 18 alle 22 in municipio;
  • festa di Goro: l’ambulatorio temporaneo verrà allestito sabato 4 e domenica 5 dalle 18 alle 22 in biblioteca;
  • Fiera dei Giovani di Pieve di Cento: venerdì 3 settembre dalle 19 alle 22 a Porta Cento, in accordo con l’AUSL di Bologna.

La campagna vaccinale proseguirà “a tappeto” nei luoghi di aggregazione: alla fiera di Poggio Renatico (nei weekend dell’11-12 e 18-19 settembre), Argenta (dal 10 al 13 e dal 18 al 22 settembre, utilizzando la sede vaccinale già presente al centro sociale) e Copparo (dal 23 al 26 settembre). 

Ringrazio i sindaci per la disponibilità e l’impegno dimostrati in questa emergenza, che ci vede come un fronte unico contro la pandemia – sostiene la direttrice generale AUSL, Monica Calamai -. Una rete forte, tempestiva ed efficace per venire incontro ai cittadini direttamente nei luoghi di aggregazione e, quindi, agevolare le somministrazioni ‘on the road’ nei confronti delle persone che, per vari motivi, non hanno ancora potuto accedere alla vaccinazioneUn’opportunità in più verso un obiettivo comune, che si chiama immunità e dà speranza”.