(Shutterstock.com)

Garantiti i servizi minimi e le urgenze

La Direzione Generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara e dell’Azienda USL di Ferrara comunicano che per la giornata di venerdì 30 luglio 2021 (dalle ore 8.00 del 30/7/2021 alle ore 8.00 del 31/7/2021) è stato proclamato dall’Associazione Sindacale FISI – Federazione Italiana Sindacati Intercategoriali, lo sciopero generale nazionale per il personale del settore della sanità pubblica e privata, Cooperative di servizio, di assistenza e di ausiliariato e Società ed Enti Locali per la parte sanitaria.

Saranno comunque garantiti i servizi di assistenza sanitaria d’urgenza (attività chirurgica solo d’urgenza, le prestazioni di terapia intensiva, i servizi di trasporto del 118, le unità coronariche, il Pronto Soccorso e tutto ciò che è legato alle urgenze) ed ordinaria solo rispetto ai pazienti ricoverati. Tutta l’attività programmata (attività specialista ambulatoriale prenotata tramite il Cup o dai reparti) non è garantita ma è strettamente in correlazione all’adesione allo sciopero.

Come prevedono le norme vigenti saranno garantiti i servizi minimi essenziali e in particolare le urgenze, mentre le attività programmabili potranno subire riduzioni conseguenti all’adesione allo sciopero.