(foto Giovanni Cancemi / Shutterstock.com)

La comunicazione dell’Ausl ferrarese a seguito di alcune modifiche nell’invio di dosi vaccinali

A seguito di alcune modifiche nell’invio di dosi vaccinali, l’Ausl di Ferrara è nelle condizioni di dover sostituire il tipo di vaccino somministrato a circa 2.900 persone di età superiore a 18 anni. Al posto dello Pfizer sarà somministrato il vaccino Moderna, che, come noto, può considerarsi equivalente allo Pfizer, essendo entrambi vaccini a mRNA. 

A chiunque sarà coinvolto in questa modifica, verrà naturalmente somministrata anche la seconda dose di vaccino con Moderna, e riceveranno il relativo appuntamento, via sms, a 35 giorni dal primo.

Gli utenti dunque non dovranno fare nulla, e al momento della somministrazione riceveranno ogni necessario ragguaglio.