Il ciclista professionista bondesano, Matteo Donegà ha regalato al Comune una maglia della nazionale italiana

A Bondeno la Festa della Repubblica si mescola alle celebrazioni della festa dello Sport e delle associazioni sportive locali. Assieme al sindaco, infatti, sul palco di Piazza Costa era presente anche il ciclista professionista bondesano, Matteo Donegà, il quale durante la cerimonia ha pubblicamente deciso di donare una maglia della nazionale italiana al Comune di Bondeno.

«Lo sport a livello professionistico implica tanti sacrifici ma anche immense soddisfazioni – ha detto il campione matildeo –. Ogni volta che salgo su un podio in giro per l’Europa e per il mondo sono orgoglioso di poter dire che vengo da Bondeno, e che questa è stata la casa della mia istruzione e formazione sportiva». Donegà ha ottenuto quest’anno l’ambitissima possibilità di passare fra i ciclisti professionisti, grazie alla squadra della categoria continental Cycling Team Friuli. «A breve lo attenderanno i campionati europei su pista in Bielorussia – ha ribadito il sindaco di Bondeno, Simone Saletti –: sono sicuro che, insieme a me, tutta la cittadinanza locale farà il tifo per lui e cercherà di spingerlo il più avanti possibile. È per me un grande orgoglio poter ricevere oggi questa maglia azzurra».

Ad ascoltare gli interventi dal palco, erano numerose le società sportive e di volontariato presenti: «Siete il cuore pulsante della Città – ha detto loro Saletti –: grazie a voi, tutti nostri giovani concittadini hanno la possibilità di cimentarsi in numerosissime e variegate fra loro attività atletiche. Lo sport, alla pari dell’istruzione scolastica e dell’educazione familiare, è un tassello importantissimo nella crescita personale di un individuo».

Sul palco sono saliti anche il sindaco del Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze, Matilde Baraldini e alcuni dei consiglieri, Jacopo Bozzolani, Anais Tosi, Giulio Maria Barbieri. I giovani studenti hanno parlato dei valori della Repubblica e della democrazia, offrendo al pubblico un’attenta ricerca storica e documentaristica. «Grazie al vostro impegno – li ha ringraziati il sindaco Saletti – le giovani generazioni possono comprendere più facilmente le importanti conseguenze del referendum popolare del 1946 e delle elezioni per l’Assemblea Costituente».

Il 2 giugno a Bondeno, oltre all’evento in Piazza Costa che ha contato sulla presenza di circa 200 partecipanti, si è tenuto anche online, attraverso una serie di video pubblicati sul sito del Comune e sulla relativa pagina Facebook. Importanti contributi sono stati realizzati dallo storico locale, Edmo Mori, che ha descritto l’Italia e Bondeno prima e dopo i fatti del 2 giugno, e dai giovani del Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze, con un viaggio all’interno della storia e della democrazia. La serie di video è consultabile dal sito del Comune di Bondeno.