A Portomaggiore la seconda edizione vedrà all’opera oltre 30 artisti provenienti da tutta Italia al lavoro su 22 muri

Tutto pronto per la seconda edizione di ArtU – Festival delle Arti Urbane a Portomaggiore. Dal 3 al 9 maggio i muri del centro e delle frazioni saranno i protagonisti della manifestazione dedicata alla street art che vedrà all’opera oltre 30 artisti provenienti da tutta Italia al lavoro su 22 muri.

Gli interventi saranno principalmente su edifici popolari, centri civici, aree verdi e ogni artista si concentrerà su un sito specifico. Un Festival di arte contemporanea che mira ad unire l’intero tessuto sociale e territoriale puntando l’attenzione sul concetto di arte urbana.

Il progetto è nato nel 2019 in collaborazione con il Comune di Molinella che ha ospitato l’edizione pilota del Festival. “L’obiettivo – dice l’Assessore Michela Bigoni – è quello di rendere ArtU una manifestazione itinerante, coinvolgendo ogni anno un territorio diverso in un’ottica di valorizzazione e rigenerazione urbana diffusa. I Comuni offriranno un nuovo modo di fare turismo; i territori coinvolti nel cuore della produzione culturale potranno infatti diventare sempre più meta di appassionati alla forma d’arte più democratica e inclusiva“.

A breve verrà pubblicata la mappa dei siti in cui sono previsti gli interventi, questo per consentire alle persone di seguire nei giorni del Festival il percorso creativo degli artisti, non verranno dati temi specifici, ognuno sulla base del proprio stile sarà libero di esprimersi. Novità di questa edizione saranno anche gli interventi artistici sull’arredo urbano.

ArtU – Festival delle Arti Urbane si svolgerà in outdoor, è una manifestazione completamente sostenibile e accessibile a tutti.

Artù – Festival delle Arti Urbane è organizzato dal Comune di Portomaggiore con la collaborazione di Pro Loco Portomaggiore e il supporto di Acer Ferrara, tra gli sponsor Gruppo HERA, Emilbanca Credito Cooperativo, TAG Colors, Zamagni Vernici.