La serata sarà anche un’occasione per presentare il progetto di solidarietà dal titolo “Musica è vita”, dedicato all’umanizzazione delle Terapie intensive degli ospedali della provincia

In programma per questo sabato, 19 settembre, il concerto di Mario Biondi in Piazza Trento e Trieste a Ferrara.

L’artista, che è una delle voci italiane più apprezzate all’estero grazie a un sound contemporaneo e internazionale, che coniuga la raffinatezza del jazz con il calore del soul e del funk, salirà sul palco con un orchestra di 8 elementi per una serata di pura magia sonora.
Il concerto – promosso dall’Associazione Music Lab e organizzato da Made Eventi e Top Secret Investigazione e Sicurezza – è realizzato con il sostegno del Comune di Ferrara e di BPER Banca. Si ringraziano Jazz Club Ferrara, Radio Bruno e Radio Sound – che allestirà anche una postazione mobile durante il concerto – per la collaborazione nella promozione dell’evento. 

Biglietti e informazioni

I biglietti per il concerto sono disponibili:

  • tramite sito TicketOne
  • punto vendita fisico di Via Padova 189, Ferrara, da Lunedì a Venerdì, dalle 10.30 alle 20.30 
  • Mediaworld (via Ticket One). Parco Commerciale Diamante, Via Mario Roffi snc, Ferrara
  • dal 16 settembre presso il botteghino in Piazza Cattedrale (Ferrara), dalle ore 10 alle ore 22 (mercoledì) e dalle 10 a mezzanotte (giovedì, venerdì e sabato).
  • Informazioni biglietteria e diversamente abili: tel. 351-5952501 – mail [email protected]

Tutte le informazioni utili al sito https://eventi.grafema.net/

Verranno rispettate tutte le normative riguardanti i protocolli anti contagio COVID-19. Gli spettatori, ai quali verrà misurata la temperatura tramite apposito termoscanner e ai quali verrà richiesta l’igienizzazione delle mani, dovranno presentarsi all’ingresso muniti di:

  • titolo d’ingresso valido
  • mascherina, che dovrà essere indossata durante tutti i movimenti effettuati dentro all’area spettacolo e potrà essere tolta solamente una volta accomodati al proprio posto
  • per agevolare le procedure di ingresso, una copia della certificazione congiunti già compilata (scaricabile dal sito dell’evento e dalla pagina facebook)

Per garantire un afflusso ordinato all’evento, gli spettatori verranno accompagnati ai settori di pertinenza da hostess e stewards. Anche il deflusso sarà controllato e gestito dagli operatori di sicurezza presenti all’evento. Sarà inoltre attivo un servizio bar dedicato al pubblico.

Il concerto di Mario Biondi – dice il sindaco Alan Fabbri – non sarà solo l’occasione di avere a Ferrara un grande artista e di godere della sua musica, ma anche un’iniziativa che guarda agli altri, di respiro solidale e che dimostra grande sensibilità e attenzione per il tema dell’umanizzazione delle cure. Con il progetto ‘Musica è vita’ la musica potrà sprigionare tutta la sua forza straordinaria, che sa portare sollievo, attenzione e cura. Grazie a tutti coloro che con noi hanno creduto a questo progetto, Music Lab, Made Eventi, Azienda USL di Ferrara e Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara“.

“Musica è vita”

Durante la serata sarà anche presentato e proposto un progetto di solidarietà dal titolo “Musica è vita”, dedicato all’umanizzazione delle Terapie intensive degli ospedali della provincia.
Nelle terapie intensive si riscontra il problema degli ambienti fisici, costantemente saturi di suoni e rumori, in aggiunta al livello sonoro prodotto dall’equipe assistenziale. L’azione musicoterapica diventa un intervento complesso che cerca una stimolazione, lo stabilire un contatto, il facilitare il recupero della coscienza, la sintonizzazione affettiva con il mondo interiore del paziente attraverso l’elemento sonoro-musicale con l’obiettivo di attivare e sviluppare quelle potenziali funzioni residue ancora in possesso del paziente, che possono consentirgli di comunicare in modo alternativo, ottenendo miglioramenti nella sfera affettiva, motivazionale e comunicativa.
La musicoterapia ha un notevole background di evidenze scientifiche e numerosi sono gli studi a carattere psicologico e medico. La musica può aiutare i pazienti ricoverati a ridurre lo stress, e può essere quindi un utile ausilio in una realtà come la Rianimazione e la Terapia Intensiva, che ricovera pazienti in condizioni spesso critiche. La musicoterapia attiva una stimolazione multisensoriale, relazionale, emozionale e cognitiva che consente di ottenere un maggior beneficio dalle cure. Recenti studi dimostrano effetti benefici sui pazienti ricoverati nelle terapie intensive, non sono nella limitazione dello stress derivante dalle cure, ma anche e soprattutto nel poter comunicare con loro, che vivono una condizione di isolamento ancora più marcato durante il periodo di emergenza Covid 19, durante il quale sono state ridotte le possibilità di visita da parte dei familiari. La musica, inoltre, può aiutare a favorire la comunicazione con i familiari e i congiunti in visita che vivono questo momento difficile con i loro cari.
Per questo motivo, l’associazione no profit Music Lab e Made Eventi vogliono lanciare il progetto “Musica è vita”, in collaborazione con Azienda USL di Ferrara, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara e Comune di Ferrara. Durante il concerto di Mario Biondi sarà attivata una raccolta fondi per dotare le terapie intensive dell’Ospedale di Cona e degli Ospedali di Cento e Delta di strumentazione tecnica idonea alla trasmissione di musica. 
Il progetto verrà presentato al pubblico prima dello show di Mario Biondi con un momento musicale – colonna sonora di un video creato ad hoc per l’occasione – realizzato grazie alla collaborazione con l’Orchestra Filarmonica Ludovico Ariosto di Ferrara, diretta dal Maestro Stefano Caleffi. Un quartetto di musicisti e insegnanti della scuola di musica Ludovico Ariosto – Roberta Righi (voce), Nicola Morali (pianoforte), Stefano Mandrioli (sax tenore) e Fabio Bonora (clarinetto) – si esibirà infatti in un medley di musiche del Maestro Ennio Morricone.
La raccolta fondi continuerà tramite l’Associazione, con versamenti possibili all’IBAN IT92S0538713004000003249910 con causale “progetto Musica è Vita”.