Nelle sere dal 14 luglio al 9 agosto, 16 aree di degustazione e 3 aree con banchi di artigianato nell’anello asfaltato della Piazza

Un’edizione speciale quella di “Mangiafexpo 2020”, la manifestazione dei ristoratori che torna con i suoi locali all’aperto su piazza Ariostea, a Ferrara, dal 14 luglio al 9 agosto 2020 con apertura solo serale dalle 18.30 e chiusura settimanale il lunedì.

L’edizione 2020 sarà speciale e irripetibile, con rispetto delle distanze, per dare una possibilità di ripresa ad un settore provato duramente dall’emergenza sanitaria che ha colpito tutti.

“Mangiafexpo 2020” sarà in Piazza Ariostea per 4 settimane, dove saranno disposte 16 aree di degustazione in cui i ristoranti e le attività del settore ristorazione proporranno ricette della tradizione ma anche di innovazione gastronomica. Le aree saranno posizionate nella parte interna dell’anello asfaltato, proprio per fare in modo che le persone che vi accedono non possano fare assembramenti ma possano girare sulla parte esterna senza nessun impedimento. Si potranno ordinare le pietanze in coda distanziata, per poi accomodarsi ai tavoli, anche loro distanziati e che insisteranno su tutto il prato interno all’anello. Ci si potrà accomodare nell’area tavoli posizionata nel prato interno della piazza, ma anche in piccoli tavoli da due posti, sui gradoni esterni, in un contesto molto esclusivo. All’interno del prato saranno inoltre allestiti 2 megaschermi. Durante l’evento si potrà passeggiare e arrivare nell’area dell’Artigianato artistico locale, dove trovare cose davvero particolari ed esclusive. Ci si potrà poi divertire nelle diverse aree con “flipper”, posizionate lungo l’anello della piazza. Il tutto racchiuso da un sottofondo musicale che accompagnerà i diversi momenti della serata, dall’aperitivo, alla cena e al dopocena. Le serate inizieranno dalle 18.30 e proseguiranno fino a tarda serata.

La piantina dell’evento con i nomi delle aree di degustazione

Come sempre l’Evento è patrocinato dal Comune di Ferrara e in collaborazione con Confesercenti Ferrara, in partnership con Visit Ferrara e con le attività ricettive extra-alberghiere.

Saranno disponibili pacchetti turistici agevolati per poter pernottare in città, legati all’evento, grazie a Visit Ferrara che attiverà un codice sconto, e da una collaborazione nata proprio per questa edizione con 16 attività ricettive extra-alberghiere che sconteranno i pernottamenti a chi vorrà venire in città nel periodo di Mangiafexpo. L’Evento osserverà una giornata di chiusura, tutti i lunedì. Tutti gli aggiornamenti saranno visibili visitando il sito dell’evento: www.mangiafexpo.com.

“Mangiafexpo 2020” è un’occasione unica e conviviale in cui sentirsi bene, dove assaporare il valore della lentezza, il rispetto dei propri ritmi e di quelli degli altri, dove conoscere le diversità dei sapori, delle culture, dei saperi e dei punti di vista. L’evento mira a stimolare gli interessi, la partecipazione, la condivisione di uno spazio comune facilitando il dialogo, la libera espressione di chi propone e di chi riceve. Un percorso intimo, esperienziale, emotivo, di gusto, di vita.

Una serie di cambiamenti sono stati apportati per adeguarsi alle nuove regole, offrendo qualcosa di diverso e anche più ricco e variegato“, ha affermato l’assessore a Fiere e mercati Angela Travagli nel corso della presentazione dell’evento estivo nella Residenza Municipale. È diminuito infatti il numero dei ristoratori per garantire maggiore distanziamento tra i tavolini (16 anziché i 26 della passata edizione), ma la manifestazione si allunga passando dai 6 giorni di durata dell’edizione 2019 agli attuali 24 giorni che – ha spiegato l’assessore – “daranno l’opportunità a ristoratori diversi di avvicendarsi e essere presenti sulla nostra piazza, perché vogliamo dare la possibilità un po’ a tutti di partecipare, con un’attenzione particolare per quei locali che per motivi logistici e di posizionamento non hanno potuto mettere o ampliare i tavolini della loro distesa. In questo modo si garantisce il distanziamento fisico, senza rinunciare alla socialità. Il lavoro è stato grande, con l’impegno a tenere conto delle esigenze dei residenti e delle indicazioni di tutela sanitaria, ma è giusto tornare a dare fiducia, sostenere la ripresa delle attività e anche riuscire a offrire occasioni di incontro e di svago“. Oltre ai tavoli di ristoranti, pub, gelaterie e produttori artigianali con specialità da bere e da mangiare che in molti casi sono state messe a punto proprio per quest’occasione, in questa edizione si aggiungono tre aree con 13 banchi di artigianato dove – ha spiegato Stefano Zobbi, titolare dell’agenzia Dodicieventi che organizza la manifestazione – “anche chi ha già cenato potrà godersi l’iniziativa passeggiando sull’anello della piazza senza passare attraverso la disposizione dei tavoli, che abbiamo tenuto sul prato e in parte sui gradoni“. Zobbi ha sottolineato anche l’accordo fatto per l’occasione da alcune attività ricettive extra-alberghiere, che hanno contattato dei blogger per ospitarli durante le settimane di “Mangiafexpo” dando loro la possibilità di cenare in uno di questi locali perché possano poi promuovere l’immagine della città.
All’incontro di presentazione alla stampa di “Mangiafexpo 2020” sono intervenuti, oltre all’assessore Angela Travagli e all’organizzatore Stefano Zobbi, il direttore di Confesercenti Sandro Osti, Chiara Grandi di Suono e Immagini che ha curato la parte tecnica anche con l’istallazione di maxischermi e diffusione musicale, Rita Berselli del gruppo di artigiani locali, Chiara Cecchin di Dodicieventi e Roberto Marzola di Progetto Casa.