Trattore sui campi (foto repertorio Shutterstock.com)
Foto repertorio Shutterstock.com

Approvata la graduatoria prevista dal bando del Programma di sviluppo rurale 2014-2020: finanziate tutte le domande ammesse, 23 i soggetti beneficiari, sostegno pari al 70% dell’investimento

Dop, Igp, vini, biologico: l’Emilia-Romagna non solo sa produrre ma sa anche comunicare bene le sue eccellenze. In particolare, sono 18 i nuovi progetti e 23 i beneficiari su tutto il territorio regionale, che hanno ottenuto oltre 1,3 milioni di euro di contributi per la promozione e l’informazione sul mercato nazionale e comunitario.

E’ stata approvata la graduatoria, e finanziate tutte le domande ammesse, rispetto al bando ‘Attività di promozione e informazione da gruppi di produttori sui mercati interni’ del 2020 previsto dal Programma di sviluppo rurale 2014-2020 erivolto ad associazioni, consorzi, cooperative e organizzazioni di produttori che partecipano ai regimi di qualità dei prodotti agricoli, anche raggruppati in reti di imprese o associazioni temporanee finalizzate al progetto.

Quattro le tipologie di attività oggetto del finanziamento: realizzazione di materiale informativo e promozionale – inclusa la gestione dei siti internet e degli spazi sui social network -, organizzazione di seminari con eventuale attività di degustazione guidata – anche nella modalità multimediale rivolta a un pubblico di consumatori-operatori -, partecipazione a fiere ed esposizionigestione e coordinamento delle attività.

Si tratta perlopiù di iniziative realizzate sul mercato italiano, mentre all’estero le azioni mirano principalmente a Francia, Germania, Belgio, Danimarca e Olanda.

Il sistema agroalimentare dell’Emilia-Romagna – spiega l’assessore regionale all’Agricoltura, Alessio Mammi, si contraddistingue per le sue produzioni di qualità regolamentata note a livello mondiale. Siamo leader in Europa per numero di prodotti Dop e Igp, filiere che consentono di valorizzare le produzioni agricole ben oltre le quotazioni standard di mercato e che sono alla base del reddito di molte imprese. Valorizzarle attraverso interventi di promozione è sempre stato per noi una priorità, e in questo momento difficile legato all’emergenza da Covid-19 lo è ancora di più”.

Il sostegno economico è pari al 70% del valore complessivo del progetto e assicurerà un contributo alle attività promozionali realizzate – tra il 1^ febbraio 2021 e il 30 giugno 2022 – da Consorzi di produttori di diverse Dop e Igp di prodotti alimentari e viniassociazioni di produttori di prodotti biologici, grazie a sinergie tra più partecipanti.