Mirabilia estense.Wunderkammer: un allestimento suggestivo per il pubblico che potrà ammirare questi singolari manufatti
Una foto di alcuni degli oggetti esposti a Mirabilia esteensi.Wunderkammer

Giovedì 11 aprile, alle ore 17.00, presso la Sala Rossetti di Palazzo dei Diamanti avrà inizio il ciclo di conferenze a corredo delle mostre Escher e Mirabilia estensi

Mirabilia estensi. Wunderkammer è infatti il titolo della mostra dossier che presenta una ricca selezione di preziose, quanto poco note, opere d’arte del Rinascimento italiano: i cofanetti in pastiglia istoriati, un particolare genere di manufatti che divenne di gran moda nella Ferrara di Borso d’Este coinvolgendo artisti come il giovane Cosmè Tura e il miniatore Giorgio d’Alemagna.

Questi oggetti sviluppano con una nuova tecnica la tipologia dei cofanetti in osso, corno e legni intarsiati alla certosina realizzati tra Tre e Quattrocento dalla Bottega degli Embriachi e dai loro imitatori. Con la “pastiglia”, un impasto di gesso, colla e polvere di marmo, al quale si usava aggiungere sostanze profumate come il muschio si plasmavano le figure e gli elementi necessari per comporre raffigurazioni ispirate perlopiù alla storia romana e alla mitologia classica. Concepiti come oggetti d’uso domestico per contenere preziosi, ma anche lettere, rosari e accessori per la toeletta, questi scrigni, prodotti a Ferrara sino agli anni di Alfonso I d’Este da più “botteghe” sono tra le più emblematiche espressioni della passione per l’antico che pervadeva le corti rinascimentali.

Un allestimento suggestivo per il pubblico che potrà ammirare questi singolari manufatti calati nella scenografica ambientazione creata dalle fotografie di Wunderkammer di Massimo Listri.

Il calendario degli incontri continuerà giovedì 18 aprile con Vasilij Gusella, curatore delle Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea di Ferrara, con una conferenza dal titolo Escher: fonti e confronti.