Dal 5 aprile al 5 maggio 2022. L’iniziativa risponde all’appello dell’Ukrainian Classica Ballet e del Circus-Theatre Elysium di Kiev: le due compagnie hanno chiesto solidarietà per poter continuare il tour

Tra aprile e maggio 2022, al Teatro Abbado di Ferrara saranno realizzati tre spettacoli dall’Ukrainian Classical Ballet e dal Circus-Theatre Elysium di Kiev. Le due compagnie ucraine erano in tournée europeo al momento dello scoppio della guerra. Da Ferrara parte la gara di solidarietà: l’Ukrainian Classical Ballet, grazie all’impegno del Teatro Comunale, arriva ora in Italia per la prima volta. Il corpo di ballo sta riunendo i migliori interpreti della danza ucraina. Il progetto sta crescendo di giorno in giorno: già altri teatri hanno accolto l’appello del Teatro Comunale “Claudio Abbado” ad ospitare gli spettacoli proposti dalla compagnia nel proprio cartellone di eventi.

Tre spettacoli di danza per sostenere gli artisti ucraini

La Fondazione Teatro Comunale di Ferrara presenta il progetto “Il Teatro per l’Ucraina” con balletti che per un mese, tra aprile e maggio, saranno in scena all’Abbado con due compagnie ucraine coinvolte. Tre i titoli: Giselle il 5 aprile, Il lago dei cigni il 9 aprile e Alice in Wonderland il 5 maggio, che ritorna a Ferrara dopo il successo dello show che ha incantato il pubblico lo scorso 8 marzo.

L’iniziativa, in particolare, risponde all’appello dell’Ukrainian Classical Ballet e del Circus-Theatre Elysium di Kiev. Entrambe le compagnie ucraine erano in tournée al momento dello scoppio della guerra che ha coinvolto il loro Paese. Entrambe hanno chiesto solidarietà al teatro ferrarese, per poter continuare il tour e portare avanti il proprio lavoro, sostenendo così gli artisti coinvolti e le loro famiglie, seppur nelle inimmaginabili avversità in questo drammatico momento.

Il Teatro Comunale di Ferrara farà da apripista all’arrivo in Italia dell’

Classical Ballet, per la prima volta. La compagnia sarebbe dovuta rientrare in Ucraina una volta terminata la tournée in Francia e attualmente sta prolungando la propria permanenza ospitata tra Parigi, la Slovenia e la Polonia. Ai ballerini che componevano il gruppo iniziale se ne sono aggiunti altri, in fuga dal proprio Paese. Il Teatro Abbado ha subito risposto all’appello di solidarietà e, grazie a una rete tra teatri, già altre 10 realtà italiane hanno dato la loro adesione per ospitare gli spettacoli del gruppo diretto da Ivan Zhuravlev. Il gruppo riunisce ora cinquanta ballerini e solisti di punta della danza classica ucraina, provenienti dai più prestigiosi teatri ed ensemble del Paese, e in particolare dall’Opera Nazionale dell’Ucraina Teatro “Taras Shevchenko” di Kiev, dal Teatro dell’Opera e balletto di Odessa, dal Teatro Accademico di Kharkiv e dall’Opera Nazionale di Leopoli. La compagnia sarà ospitata per diversi giorni nella città estense.

Il Teatro per l’Ucraina: programma

Dall’eccellente repertorio di danza classica proposto dall’Ukrainian Classical Ballet“Il Teatro per l’Ucraina” si apre il 5 aprile con Giselle, balletto in due atti con la coreografia di Jules Perrot, Jean Coralli e Marius Petipa e le musiche di Adolphe Adam. La compagnia sarà in scena anche il 9 aprile sempre alle ore 20.30 con Il lago dei cigniballetto in quattro atti con la coreografia di Marius Petipa e Lev Ivanov e le musiche di Pëtr Il’ič Čajkovskij. Entrambi gli spettacoli avranno come solisti le Etoiles dell’Opera Nazionale dell’Ucraina Olga Golitsya Iurii Kekalo. Insieme a loro anche l’acclamato Jan Vana.

L’Elysium di Kiev, in tour in Italia al momento dell’inizio della guerra, sta aggiungendo nuove date grazie alla gara di solidarietà che in pochissimo tempo si è instaurata tra i teatri, tra cui il Comunale di Ferrara. Circus-Theatre Elysium di Kiev proporrà, il 5 maggio, l’acclamato Alice in Wonderland, show di circo-teatro appassionante, sofisticato ed elegante, che coinvolge quasi trenta atleti, acrobati e ballerini e intreccia molteplici discipline sul palco: la ginnastica acrobatica, la recitazione e la danza. L’atmosfera fiabesca delle avventure di Alice nel paese delle meraviglie, che ha registrato il sold out nella data dell’8 marzo già in cartellone a Ferrara, verrà ricreata sul palco del Teatro Abbado grazie alle musiche e alle videoproiezioni con scenari onirici 3D proiettati su enormi schermi a LED.

L’inizio degli spettacoli sarà alle ore 20.30.

Biglietti

Biglietti da 13 a 38 euro per Giselle e Lago dei cigni, e da 13 a 39 euro per Alice in Wonderland.
Sono previste riduzioni per senior (over 65), under 30 e abbonati alla stagione di danza e lirica 2019/2020 e gruppi. Attiva è anche la promozione per le famiglie: per Il lago dei cigni e per Alice in wonderland, per i bambini e ragazzi fino ai 12 anni il costo è di 10 euro (tutti i settori eccetto il loggione) con prezzo dedicato per gli adulti accompagnatori.
Per accedere è obbligatorio il Green Pass rafforzato e l’utilizzo della mascherina FFP2.

Per l’acquisto dei biglietti:

  • 0532.202675;
  • [email protected];
  • sul sito www.teatrocomunaleferrara.it;
  • sul circuito Vivaticket;
  • biglietteria in corso Martiri della Libertà 21.

Le altre iniziative in programma

Prima della Prima
Venerdì 1° aprile alle ore 17 nel Ridotto del Teatro è in programma Giselle, presentazione a cura di Carmelo Antonio Zapparrata, critico di danza. Introduce Marcello Corvino, direttore artistico del Teatro Comunale di Ferrara. L’attività è realizzata grazie al contributo concesso alla Biblioteca della Fondazione Teatro Comunale dalla Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali del Ministero della cultura. Ingresso gratuito con obbligo di Green Pass.

Biblioteca di sera
Nella serata di Giselle (5 aprile) saranno esposti per la consultazione del pubblico testi appartenenti alla Biblioteca del Teatro Comunale inerenti alla rappresentazione in cartellone. Sarà inoltre a disposizione del pubblico un opuscolo con una bibliografia specifica per l’approfondimento personale. Biblioteca di sera è un’iniziativa realizzata dalla Biblioteca del Teatro Comunale in collaborazione con la Cooperativa Le Pagine. L’attività è realizzata grazie al contributo concesso alla Biblioteca della Fondazione Teatro Comunale dalla Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali del Ministero della cultura.

Prima della Prima in TV
In continuità con la vocazione propria del Teatro Comunale di Ferrara “Claudio Abbado” di diffondere il patrimonio della musica e della danza fra gli studenti, quest’anno si aggiunge un nuovo progetto: un programma televisivo dal titolo “Prima della Prima in TV”. Il programma seguirà alcuni degli spettacoli della stagione 2022 di opera e di balletto del teatro e avrà come ospiti e protagonisti gli studenti e i docenti delle classi del Progetto di Musica & Spettacolo del Liceo delle Scienze umane Giosuè Carducci di Ferrara. Il programma, ideato da Marcello Corvino, direttore artistico del Teatro Comunale di Ferrara, nasce da una partnership fra il teatro e il liceo statale Carducci ed è realizzato come laboratorio didattico, condotto all’interno del Ridotto del Teatro Comunale con la consulenza editoriale e tecnica di Telestense. L’approfondimento su Giselle è in programma in questi giorni su Telestense (31 marzo: alle ore 21.35; 1 aprile: alle 23.30; 2 aprile: alle 21.35; 3 aprile: alle 15.30 e alle 20; 4 aprile: alle 18.30; 5 aprile: alle 15.30) e Telesanterno (31 marzo: alle 23; 1 aprile: alle 21; 2 aprile: alle 23; 3 aprile: alle 12 e alle 21; 4 aprile: alle 15; 5 aprile: alle 18.30).