Tresignana: disturba la quiete pubblica per più di una settimana
Nella foto i Carabinieri di Tresigallo

Arrestato dai Carabinieri l’uomo protagonista di escandescenze notturne nel centro di Tresigallo

Nella mattinata del 7 giugno il Tribunale di Ferrara ha celebrato l’udienza di convalida per un arresto operato dai Carabinieri della Compagnia di Copparo. L’arresto, convalidato appunto durante l’udienza, riguarda un uomo nato in Italia di origini nordafricane, residente nel Comune di Tresignana che, dopo aver trascorso circa una settimana a rendersi protagonista di reiterati disturbi alla quiete pubblica, nella serata del 5 giugno ha oltrepassato i limiti, arrivando a minacciare il titolare di un bar e a spintonare i Carabinieri, contattati da diversi cittadini esasperati dall’atteggiamento dell’uomo.

Vistisi quindi aggrediti da lui, in evidente stato di agitazione, i militari della Compagnia di Copparo lo hanno dapprima immobilizzato e poi tratto in arresto. Tuttavia questo non è bastato per farlo calmare, visto che l’uomo ha tentato a più riprese di procurarsi lesioni senza riuscirvi, e venendo definitivamente trattenuto nelle camere di sicurezza dell’Arma al termine delle operazioni di rito.

L’uomo, nel recente passato, era già salito agli onori della cronaca locale proprio per il suo atteggiamento, aggravato dall’uso di bevande alcoliche, ed era stato già allontanato da altri locali del territorio in più occasioni proprio dai Carabinieri, intervenuti di volta in volta. Una volta di troppo, a quanto pare, visto che oggi il Tribunale ha rinviato l’uomo a giudizio, che ora dovrà rispondere non solo dei disordini causati, ma anche di violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale nel processo che si celebrerà sempre nel capoluogo estense.