Nessuna criticità nel ferrarese per il maltempo
Nella foto uno dei controlli sugli impianti di bonifica

Nessuna criticità grazie a precipitazioni più limitate e manovre idrauliche preventive di Consorzi di bonifica 

C’è grande attenzione per il maltempo che sta attraversando in queste ore gran parte del Nord Italia, colpendo pesantemente il modenese, il bolognese, Lombardia e Veneto. Il ferrarese pare finora sostanzialmente risparmiato dai fenomeni più estremi come le bombe d’acqua, registrando precipitazioni in linea con il periodo: 35mm da inizio mese, con una media di 5mm nella giornata di lunedì.

Dalle prime ore di oggi l’area più piovosa è stata quella di Bondeno, con 22 mm contro una media del comprensorio di 7 mm. Piogge comunque modeste se rapportate a quanto sta invece avvenendo nell’area tra bolognese e modenese, dove in poche ore lunedì sono scesi oltre 175mm, la quantità media che solitamente si registra in un periodo di tre mesi.

“La situazione è sotto controllo e monitorata costantemente – afferma Alessandro Buzzoni, dirigente dell’Area Territorio del Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara – e il nostro sistema è in grado di smaltire senza particolari criticità queste quantità di acqua. Inoltre, l’ingente pioggia caduta nell’area occidentale rispetto la nostra provincia sta, pur lentamente, transitando attraverso il Bacino Burana – Po di Volano. Lavoriamo in stretta sinergia sia con l’Agenzia per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile della Regione e i colleghi del Consorzio della Burana, che gestiscono l’impianto di Pilastresi e che ne hanno attivata la funzione di scolo. Sono state introdotte le manovre necessarie a garantire la sicurezza idraulica del ferrarese, sia per ciò che concerne i corsi d’acqua naturali, sia per il reticolo minore in gestione al nostro ente”.

La portata dei dei fiumi è, come previsto, in crescita: Panaro e Reno sono aumentati di circa +1,30 metri nella mattinata di oggi, mentre la piena del Po è transitata a Boretto nelle ultime ore di sabato 18 e a Pontelagoscuro nelle prime ore di lunedì 20. A Boretto, punto di riferimento che anticipa la tendenza a Pontelagoscuro di poco più di un giorno, ha iniziato ad aumentare nuovamente dalle 6 di stamattina (+ 6 cm in tre ore).

Una situazione stabile che al momento non desta, dunque, particolari preoccupazioni, come ha spiegato il presidente del Consorzio di Bonifica, Stefano Calderoni: “Siamo abbastanza tranquilli rispetto alla situazione idrogeologica del territorio, ma manteniamo comunque alta la guardia. Ricordo, infatti, che una parte della nostra Provincia è segnalata in allerta arancione nelle giornate di oggi e domani, mentre la restante è comunque in allerta gialla. Le nostre squadre sono sul territorio e, grazie alla loro presenza costante e al sistema del telecontrollo, monitoriamo in tempo reale quote e funzionamento degli impianti, per intervenire in caso di peggioramento della situazione climatica”.