Rapinarono e sequestrarono un giovane a Ferrara
Nella foto i contanti, le armi, la droga e le munizioni sequestrate dai Carabinieri

Eseguite dai Carabinieri due ordinanze di custodia cautelare in carcere, altre due persone denunciate e un arresto in flagranza

Il pomeriggio del 22 agosto 2023 è stato un pomeriggio che per un giovane di ventitré anni sarà difficile da dimenticare. Il tutto ha avuto inizio con un appuntamento presso un’abitazione in una zona periferica della città. Il ventitreenne avrebbe dovuto incontrare alcune persone per concludere un acquisto di stupefacente. I venditori si erano dimostrati molto interessati e disponibili nei suoi confronti tant’è che, pur di incontrarlo, gli avevano pagato la corsa del taxi che dal Barco lo ha trasportato fino all’abitazione in cui si sarebbero dovuti incontrare. Con lui, una persona di fiducia degli spacciatori lo accompagna fino all’indirizzo concordato e non appena i giovani fanno ingresso nell’abitazione, vengono aggrediti da tre soggetti: uno vestito in tuta mimetica ed uno vestito di nero, entrambi travisati da passamontagna, ed un altro di corporatura robusta travisato da una bandana, spuntano anche una pistola e un taser.

Dopo una breve colluttazione, il giovane viene immobilizzato con fascette da elettricista ai polsi ed alle caviglie, privato del portafoglio e del telefono cellulare e chiuso in una stanza. Dopo alcuni minuti e numerosi sforzi, il giovane riesce a liberarsi e, gettandosi dalla finestra, riesce a darsi alla fuga nonostante, immediatamente raggiunto da uno dei rapinatori, avesse avuto una seconda violenta colluttazione. Allertati dai vicini di casa, allarmati per il grande trambusto, giungono sul posto i carabinieri della Stazione di Corso Giovecca e gli investigatori della Sezione Operativa della Compagnia di Ferrara.

Come ben presto si rivelerà, modesto è stato il bottino: 100 euro in contanti, 40 euro prelevati indebitamente da uno sportello bancomat della città ed un telefono cellulare. Tanto è bastato però per avviare un’attività di indagine che ha visto impegnati gli investigatori per circa 9 mesi. Le indagini, avviate nell’immediatezza, sono partite dai rilievi tecnici eseguiti all’interno dell’abitazione ed ascoltando le dichiarazioni della vittima, consentendo di far emerge immediatamente il probabile coinvolgimento di due persone, un sessantenne ferrarese e un giovane di ventuno anni.

Il primo è stato infatti immediatamente identificato come il soggetto che, nel corso della rapina aveva agito travisato dalla bandana. Il secondo invece viene identificato grazie ad un dettaglio interessante: nelle fasi concitate della colluttazione svolta all’esterno dell’abitazione, la vittima nota una vettura bianca in uso ad una persona di sua conoscenza che si allontana velocemente. Dagli accertamenti svolti sulla targa dell’auto, annotata da un testimone e riferita ai carabinieri intervenuti sul posto, è stato possibile accertare che l’auto era effettivamente in uso alla persona indicata dalla vittima.

Il giorno seguente, gli investigatori della Sezione Operativa, riescono ad individuare l’abitazione del soggetto e, nella tarda mattinata del 23 agosto 2023, lo stesso verrà arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Al fine di eludere il controllo dei militari, dopo essere stato convocato in caserma per essere sentito in merito ai fatti del giorno precedente, il giovane li spintonava tentando la fuga. Sottoposto a perquisizione domiciliare, verrà trovato in possesso di sostanza stupefacente tipo hashish del peso di gr. 1.532, cocaina gr. 31, marijuana gr. 119, nonché 13.000 euro in banconote false. Da questo giorno, il lavoro dei Carabinieri sarà focalizzato sul ricostruire i contatti del giovane ed il motivo della sua presenza sul luogo della rapina. Inizierà quindi un lavoro di meticolosa analisi del traffico telefonico sviluppato dal ventunenne nei periodi immediatamente antecedenti alla rapina, grazie al quale i militari individuano tre uomini con cui il giovane ha frequenti e sospetti contatti: il sessantenne, un 57enne ed un 50enne, entrambi residenti a Ferrara. Le attività tecniche avviate nel frattempo, hanno poi consentito di ricostruire i movimenti dei quattro il giorno dell’evento criminoso.

Mentre le indagini sulla rapina del 22 agosto 2023 iniziavano a volgere al termine, emergeva un dettaglio utile a delineare il profilo di uno dei membri del gruppo. Nella tarda serata del 23 febbraio 2024, una pattuglia della Sezione Radiomobile della Compagnia di Ferrara, interveniva in una zona residenziale del capoluogo estense, in quanto era stata segnalata la presenza sospetta di due giovani. Gli stessi venivano sorpresi dai militari mentre si aggiravano furtivi con uno strano oggetto in mano: si trattava di un ordigno esplosivo artigianale che, subito dopo il controllo, veniva posto sotto sequestro ed affidato agli artificieri. I due giovani venivano quindi denunciati per “detenzione di materiale esplodente”. Materiale che, dagli accertamenti svolti, era stato verosimilmente confezionato dal 57enne con circa 350 grammi di “polvere flash”, affinché lo stesso potesse essere collocato nel giardino di un palazzo della zona per compiere un’azione intimidatoria.

L’attività di indagine si è conclusa con il deferimento di quattro persone per rapina aggravata in concorso e sequestro di persona. A carico di due di loro, il Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Ferrara emetteva ordinanza di custodia cautelare in carcere in relazione ai reati contestati e, per il solo 57enne, inoltre, per cessione di ordigni esplosivi senza licenza, che venivano eseguite nelle prime ore della mattinata del 13 maggio dal personale della Sezione Operativa unitamente al Nucleo Investigativo di Ferrara, ai militari delle Stazioni di Ferrara e Corso Giovecca ed a due unità cinofile. Nel corso della perquisizione domiciliare inoltre, il 50enne è stato trovato in possesso di 114 gr di sostanza stupefacente tipo “hashish”, un bilancino di precisione, circa 10.000 euro in contanti e cinque proiettili cal. 6.35 detenuti illegalmente; il 57enne invece è stato trovato in possesso di un revolver con 104 proiettili cal. 45, un fucile a canne mozze con 85 cartucce cal.12, tutto detenuto illegalmente, e 83 grammi di cocaina. Tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro.

Gli accertamenti dei militari non si sono limitati ai quattro uomini. Un approfondimento investigativo infatti, è stato svolto anche sul giovane 23enne vittima della rapina: le attività tecniche condotte sullo stesso hanno consentito di documentare un importante giro di spaccio che ha portato, a metà ottobre del 2023, all’arresto di un 23enne e di un 22enne sorpresi a bordo della loro auto mentre trasportavano 2 kg di sostanza stupefacente del tipo “hashish”. Concordando con l’ipotesi investigativa dei carabinieri, la Procura della Repubblica di Ferrara ha emesso inoltre un decreto di perquisizione a carico del giovane che veniva eseguito sempre nella mattinata del 13 maggio. I sospetti degli investigatori si sono rivelati ben presto fondati: a casa del giovane è stato rinvenuto infatti un panetto di sostanza stupefacente del tipo “hashish” del peso di 132 grammi. Il ragazzo è stato quindi tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e collocato agli arresti domiciliari.

Nel pomeriggio di oggi, presso il Tribunale di Ferrara, l’arresto è stato convalidato ed il 23enne è stato rimesso in libertà in attesa della celebrazione del processo.