A Ferrara la Guardia di Finanza scova un falso dentista
Nella foto gli agenti della Guardia di Finanza nell'ambulatorio abusivo

La Guardia di Finanza sequestra l’ambulatorio e le relative attrezzature

I Finanzieri del Comando Provinciale Ferrara hanno dato esecuzione ad un provvedimento di sequestro preventivo emesso dal Tribunale di Ferrara, su richiesta della locale Procura della Repubblica, che ha interessato un ambulatorio utilizzato per l’esercizio abusivo dell’attività odontoiatrica.

L’intervento è giunto al termine delle indagini condotte dal Gruppo di Ferrara che, nel corso del
controllo economico del territorio della provincia estense, ha individuato uno studio medico
all’interno del quale si riteneva venisse svolta attività in assenza di un responsabile medico
abilitato alla professione.

Dalle conseguenti investigazioni, sviluppate anche mediante la
raccolta di dichiarazioni dei clienti dello studio, si è avuta conferma del fatto che nell’ambulatorio
operava un odontotecnico (titolare di un laboratorio ubicato all’interno dello stesso stabile) che,
pur non avendo mai conseguito la laurea in medicina e altro titolo abilitativo, esercitava abusivamente la professione odontoiatrica arrivando anche a praticare anestesie ai pazienti.

Durante l’esecuzione del provvedimento emesso dall’Autorità Giudiziaria sono state sottoposte
a sequestro tutte le attrezzature utilizzate per gli interventi (quali i bisturi, estrattori, una poltrona
professionale e attrezzatura per radiografie) in modo da impedire che l’attività illecitamente
esercitata dal falso dentista potesse continuare a mettere a repentaglio la salute di ulteriori
ignari pazienti.

Il responsabile è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Ferrara in quanto ritenuto
responsabile del reato di esercizio abusivo di professione medica.
Il successivo sviluppo della vicenda riguarderà gli aspetti fiscali e sarà finalizzata a definire
compiutamente il giro d’affari realizzato dall’abusivo.

L’attività in rassegna testimonia il costante impegno profuso dai finanzieri ferraresi nella lotta
alle attività illecite che possono comportare gravi conseguenze per la salute dei cittadini oltre
ad avere risvolti di carattere economico-finanziario collegati alla tassazione dei proventi
illecitamente conseguiti dal responsabile.