Importante ritrovamento archeologico ad Ostellato
Nella foto il ritrovamento archeologico ad Ostellato

L’area della scoperta era già nota per l’interesse archeologico

A seguito degli interventi di scavo in località Ostellato per la posa della nuova condotta idrica su via dei Lidi ferraresi, da parte di CADF La fabbrica dell’acqua, sono stati portati alla luce interessanti resti del periodo romano.

Ciò che emerso dalle ricerche è una zona produttiva per la lavorazione del materiale da costruzione, probabilmente da datarsi al I sec. d.C. Sono stati scoperti i resti di più strutture, come porticati, per le fasi di preparazione o di stoccaggio del materiale e soprattutto una fornace per la cottura del materiale. Ma la particolarità è il rinvenimento di materiale laterizio “marchiato”: mattoni ed embrici sui quali sono stati apposti bolli che rimandavano a diverse officine produttive. E’ plausibile pensare che qui si creassero e cuocessero laterizi per diversi produttori. 

I bolli ritrovati sono noti nella letteratura archeologica e ampiamente attestati nell’area nord adriatica, anche se non erano stati rintracciati impianti produttivi certi.

L’area della scoperta era già nota per l’interesse archeologico, infatti gli scavi sono stati svolti sotto il costante controllo di un archeologo e con la direzione scientifica della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara.

Al momento appassionati, curiosi o semplici passanti possono solo intravvedere qualche lacerto delle antiche costruzioni in laterizi, ma è solo questione di tempo: verranno creati eventi culturali in grado di spiegare ed illustrare questa interessante scoperta.