A Ferrara si indaga per apologia del fascismo
(Shutterstock.com)

Sulle stesse persone si indaga anche per minacce e vilipendio delle Forze Armate

Ventiquattro perquisizioni a Ferrara nei confronti di altrettanti indagati per apologia di fascismo, istigazione all’odio razziale, minacce e vilipendio delle forze armate.

Il provvedimento, emesso dalla Procura di Ferrara, sono state eseguite questa mattina da parte degli operatori della Polizia di Stato delle Digos di Ferrara, Bologna e Ravenna, coordinate dalla direzione centrale della Polizia di prevenzione.

Sul campo anche gli operatori della Polizia postale per analizzare il materiale informatico oggetto di sequestro.

L’indagine che ha portato all’operazione ‘Bravi ragazzi’ (Come riferisce ANSA Emilia Romagna)  è partita da una cena, prima di Natale, durante la quale un gruppo di persone si sarebbe ritrovato, in un ristorante, inneggiando al nazismo e a Hitler. C’erano anche volantini con contenuti simili e con minacce nei confronti delle forze di polizia. L’obiettivo delle perquisizioni e degli accertamenti in corso, anche informatici, è di capire se l’episodio in questione sia stato isolato o se si è di fronte a un gruppo strutturato.