Il bilancio della Prefettura di Ferrara nello scorso anno
Nella foto la conferenza stampa di questa mattina in Prefettura

Un bilancio particolarmente positivo quello tracciato dal Rappresentante del Governo

Il Prefetto Massimo Marchesiello, nel corso di una conferenza stampa cui hanno partecipato anche il Questore Salvatore Calabrese, il Comandante provinciale dei Carabinieri Alessandro Di Stefano, il Comandante provinciale della Guardia di Finanza Gabriele Sebaste ed il Comandante provinciale dei Vigili del Fuoco Antonio del Gallo, ha presentato stamane un sintetico bilancio delle attività istituzionali svolte nel corso dell’anno 2023.

Un bilancio particolarmente positivo quello tracciato dal Rappresentante del Governo, che ha ringraziato le Forze dell’Ordine ed i Vigili del Fuoco per l’eccellente lavoro svolto e per l’impegno profuso nell’attività di controllo del territorio ed in tutte le iniziative che, con il coordinamento della Prefettura, vengono messe in campo per dare pronte risposte alle esigenze espresse dal territorio, nonché poste a presidio della safety e della security della comunità ferrarese.

Nel corso del bilancio presentato dal Prefetto Marchesiello è stato preliminarmente evidenziato un sensibile calo dei delitti commessi in provincia rispetto al periodo pre-Covid (anno 2019), pari a -9,4%, frutto soprattutto del sensibile incremento delle attività di prevenzione messa in campo.

Su questo punto, in particolare, rispetto al 2022, va sottolineato il notevole aumento delle attività di proiezione esterna – il numero di uomini e mezzi impegnati nelle attività di pattugliamento del territorio – quantificabile in un +30%, ed il conseguente importante aumento dei controlli effettuati dagli operatori di polizia con interrogazione della banca dati interforze SDI. Un attività, peraltro, notevolmente potenziata fin dai primi mesi del 2023, con la costituzione di pattuglie miste interforze dispiegate nei punti a maggior rischio del capoluogo.

Altro dato significativo è il positivo bilancio relativo a denunce e arresti compiuti nel 2023 rispetto all’anno precedente: mentre il dato delle denunce è sostanzialmente rimasto stabile, l’aumento degli arresti è pari a +31,7%.

Un andamento, peraltro, coerente rispetto alla significativa diminuzione del numero dei delitti commessi che sfiora il -10%.

Passando in rassegna le principali fattispecie di reato, quelle che destano maggiore allarme sociale, un dato eclatante è quello dei furti: -23,7% su base provinciale rispetto al 2019 e – 18,2 con riferimento al capoluogo. Anche per quanto riguarda l’odioso reato della truffa perpetrata nei confronti di persone anziane, si registra un netto calo rispetto al periodo pre-Covid pari a -30%, dato particolarmente positivo se considerata l’alta incidenza della popolazione anziana residente in questa provincia, che collocano Ferrara al secondo posto in Italia.

Per quanto riguarda l’attività dei Vigili del Fuoco, il Prefetto ha richiamato i positivi risultati presentati dal Comandante provinciale nel corso delle celebrazioni per la festa patronale di Santa Barbara del 4 dicembre scorso, ricordando altresì, oltre ai compiti istituzionali in tema di protezione civile e rintraccio delle persone scomparse, il prezioso supporto che il Corpo garantisce in tema di controlli di sicurezza operati nel contesto dell’attività di competenza della Commissione provinciale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo, su tutte quella profusa in occasione degli allestimenti per il concerto di Bruce Springsteen e per il Carnevale di Cento.

Ricordando che il contributo delle Forze dell’Ordine si dispiega anche su fronti non prettamente operativi, ma comunque di notevole valenza sociale, ad esempio per quanto riguarda la formazione nelle scuole in tema di sicurezza e sui delicati temi della violenza di genere, il Prefetto ha tracciato un sintetico bilancio delle iniziative che hanno visto l’Ufficio del Governo farsi parte attiva nella promozione di iniziative di sensibilizzazione insieme alle altre Istituzioni del territorio a vario titolo coinvolte, come per quanto concerne il rinnovo del “protocollo prevenzione e contrasto della violenza di genere” e i lavori del tavolo tecnico del “protocollo d’intesa per la prevenzione e la lotta ai fenomeni del bullismo e della devianza giovanile”.

Notevole è stato, inoltre, l’impegno delle Istituzioni anche sul fronte del fenomeno migratorio, sia per quanto riguarda il tema dell’accoglienza sia sotto il profilo della tutela della sicurezza pubblica, così come alta è l’attenzione che Prefettura e Istituzioni del territorio stanno concentrando sull’emergenza “granchio blu”, per le notevoli, negative conseguenze che esso comporta per l’economia di vaste aree del territorio del litorale ferrarese.