I Carabinieri hanno ritrovato anche un televisore appena rubato

Arrestato un rumeno con un ordine di cattura e denunciate altre sei persone per ricettazione di oggetti rubati e porto di arnesi da scasso

Dopo l’arresto di quattro pregiudicati per furto in abitazione di domenica 26 novembre, nelle scorse nottate sono continuati i controlli dei Carabinieri della Compagnia di Comacchio per contrastare i reati contro il patrimonio che si sono conclusi con un arresto e sei denunce in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Ferrara.

In particolare, un 55enne pregiudicato di origini rumene domiciliato in un campo rom della Capitale è stato tratto in arresto poiché sul suo conto pendeva un provvedimento di cattura per reati contro la persona ed il patrimonio posti in essere fino al 2017 a Roma e per i quali deve scontare un anno e tre mesi di carcere. Lo stesso è stato controllato le notti scorse mentre si aggirava nella zona artigianale di San Giuseppe di Comacchio a bordo di una vettura con altri due connazionali. I Carabinieri di Porto Garibaldi hanno notato il mezzo che alla loro vista spegneva i fari ed hanno deciso di fermare gli occupanti. A bordo della vettura sono stati trovati occultati diversi arnesi da scasso che sono stati sequestrati.

Per tutti e tre è scattata la denuncia per possesso di chiavi alterate o grimaldelli ed il 55enne, al termine delle procedure, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Ferrara.
Durante gli stessi servizi di controllo del territorio, i Carabinieri della Stazione di Lido degli Estensi hanno denunciato alla Procura estense un pregiudicato 46enne della zona e due stranieri, un 20enne di origini domenicane ed un 24enne camerunense, i quali sono stati trovati nella disponibilità di due televisori, una bicicletta ed effetti personali sottratti in alcune abitazioni estive dei lidi ed in garage di zone residenziali di Comacchio.

L’invito dei Carabinieri è di chiamare sempre il numero di emergenza 112 per segnalare movimenti sospetti.