Il titolare di un autolavaggio impiegava dipendenti senza regolare contratto, trovate carenze strutturali in un’attività di Copparo e sanzioni a un circolo privato a Riva del Po

Nei giorni scorsi, sabato 17 dicembre 2022, sono stati eseguiti una serie di controlli straordinari nelle attività commerciali dei comuni di Copparo e Riva del Po: i Carabinieri, insieme ai militari del Nucleo Ispettorato del Lavoro (NIL) e con l’ausilio dei Vigili del Fuoco di Ferrara e della Polizia Locale Unione Terre e Fiumi, hanno  proceduto alla verifica delle normative di tutela e sicurezza dei luoghi di lavoro e rispetto della legislazione di settore (autorizzazioni sanitarie, di igiene pubblica e di pubblica sicurezza). 

I controlli si sono protratti per tutto il pomeriggio e la sera di sabato; al loro esito, è stato deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica estense il titolare di un autolavaggio nel copparese, un cittadino di origini straniere di 32 anni, in quanto impiegava due dipendenti privi di regolare contratto di lavoro. L’imprenditore è inoltre risultato sprovvisto del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR), previsto dalla vigente normativa, e per questo è conseguita la sospensione dell’attività con l’irrogazione di una sanziona amministrativa di oltre 11.000 euro.

Le ispezioni sono poi continuate con il controllo di un’altra attività commerciale, sempre a Copparo, gestita da un cittadino cinese di 30 anni: gli agenti hanno rilevato carenze strutturali dei locali, messe in sicurezza dal personale dei Vigili del Fuoco di Ferrara.

Successivamente, a Riva del Po è stato controllato un circolo privato, presso cui sono state rilevate diverse violazioni amministrative, tra cui l’assenza dell’etilometro per i locali che esercitano le attività oltre le ore 24, il personale addetto alla somministrazione di bevande e alimenti sprovvisto di apposito attestato HACCP e la mancanza delle apposite uscite di sicurezza da uno dei piani elevati del locale. Vista la complessità del controllo e delle violazioni saranno necessari ulteriori approfondimenti e verifiche al fine di accertare esattamente quanti e quali sanzioni dovranno essere elevate al titolare del circolo.

Nel corso della serata, i Carabinieri hanno poi ispezionato altri locali e attività, risultati tutti in regola, e controllato 51 autovetture e 76 persone.

I servizi di controllo del territorio sono stati intensificati anche da parte dei Carabinieri della Compagnia di Comacchio che, nella stessa serata di sabato hanno deferito in stato di libertà una 61enne ferrarese resasi responsabile di furto al “Tigotà” di Codigoro e alla denuncia di un 19enne del littorale sorpreso, a Lido di Pomposa, alla guida dell’automobile della madre, con un tasso alcolimetrico triplo rispetto al massimo consentito.

Proseguiranno anche nel corso delle festività i controlli straordinari dell’Arma estense al fine di garantire la sicurezza dei cittadini, oltre al rispetto delle normative vigenti.