L’incidente avvenuto mercoledì sera. Il conducente del Suv responsabile dell’incidente non si è fermato dopo lo scontro, ma circa 3 ore dopo si è presentato alla Polizia municipale

Mercoledì 30 novembre, attorno alle 20.45, in via Pomposa è avvenuto un incidente mortale che ha coinvolto un auto modello Suv e due biciclette. Lo scontro è avvenuto in prossimità del civico 357, tra le frazioni di Codrea e Quartesana, sulla Sp15.

In sella alle due biciclette c’erano da due giovani, rispettivamente del 2006 e 2005, che procedevano in direzione centro cittadino. Entrambi sono stati travolti dal Suv che procedeva nella stessa direzione. Una delle due biciclette si è schiantata contro un platano a lato della strada, mentre l’altra è stata proiettata al centro della via Pomposa.

Il conducente dell’auto, un ferrarese 37enne residente nel territorio comunale, non risulta essersi fermato sul luogo dell’incidente ma si è presentato circa tre ore dopo il fatto alla Polizia Municipale Terre Estensi.

Uno dei due ragazzi, classe 2006, è deceduto; mentre l’amico si trova al momento ricoverato in prognosi riservata all’Ospedale di Cona.

Piangiamo la morte di un giovane, il dolore è straziante per quanto accaduto. – dice il sindaco di Ferrara Alan Fabbri – Esprimo la mia vicinanza ai genitori. Siamo a disposizione, insieme alla polizia locale, che ho già contattato, per fornire il nostro supporto ai familiari e per dare il nostro contributo affinché sia fatta giustizia e siano accertate le responsabilità. Siamo in grande apprensione: ci stringiamo anche ai familiari dell’altro ragazzo coinvolto“. Il sindaco ha chiamato ieri i familiari di entrambi i ragazzi. Alla madre del 16enne vittima dell’ incidente ha espresso le proprie condoglianze e – nei confronti di tutti i genitori – ha manifestato, “da parte del Comune, il massimo sostegno e massimo supporto, nell’infinito dolore che ha colpito la nostra comunità”.