Due nuove strutture saranno posizionate nella nuova area dell'”arena”

Saranno installati due nuovi chioschi lungo la nuova darsena, l’area recentemente riqualificata nell’ambito del bando periferie e inaugurata quest’anno con diverse iniziative ed eventi.

La giunta ha deliberato oggi un atto di indirizzo per determinare la localizzazione delle due nuove strutture: una sarà posizionata nella nuova area dell”arena’ (e dei giochi per bambini), che guarda il fiume, l’altra in prossimità dei prati ombreggiati, verso palazzo Savonuzzi, a pochi metri dalle nuove pedane in legno che creano l’effetto-affaccio sul fiume. Entrambe sorgeranno nelle prossimità degli allacci ai sottoservizi, saranno di circa 30 metri quadrati e dotate di servizi igienici.

“L’obiettivo – ha spiegato il sindaco Alan Fabbri – è dare sempre più una nuova centralità urbana a questa area che, come visto questa estate, è apprezzatissima e particolarmente indicata per eventi e iniziative. Un percorso, questo, coerente con la nostra scelta di rimodulare il progetto ereditato per l’intera area, riducendo le aree del costruito in favore di spazi da vivere all’aria aperta, in perfetta osmosi con l’ambiente fluviale”.

La scelta delle due localizzazioni – sottolinea l’assessore Angela Travagli – nasce dopo le rilevazioni tecniche e tiene conto sia della configurazione migliore per lasciare la maggior parte di spazi liberi per chi frequenta la nuova darsena e per gli eventi, sia della vicinanza a reti e allacci presenti“.

La realizzazione del chiosco – su linee di indirizzo comunali – sarà affidata agli aggiudicatari, che saranno tenuti a rispettare le indicazioni tecniche riportate nel bando. L’intero percorso è frutto di una interlocuzione continua tra gli uffici dei servizi Commercio, Edilizia e Patrimonio.

“L’indirizzo è pienamente coerente – sottolinea l’assessore Travagli – con la strategia di rigenerazione urbana contenuta in strumenti come il PSC (Piano Strutturale Comunale) e il nuovo PUMS (Piano Urbano della mobilità Sostenibile)“. I chioschi saranno affidati – con bando (di prossima pubblicazione) – “a soggetti che dovranno sottoscrivere apposita convenzione con il Comune di Ferrara, che definisca e disciplini la concessione e la gestione“.