Il voto consiste nell’accordo tra il Comune di Ferrara e le Società AR.Co, RNH S.r.l. propedeutica all’attuazione di interventi di rigenerazione urbana e alla riqualificazione della Caserma ex Pozzuolo del Friuli

Nella giornata di ieri, mercoledì 13 luglio 2022, il consiglio comunale di Ferrara ha dato approvazione della delibera volta ad approvare uno schema di Accordo tra il Comune di Ferrara e le Soc. AR.Co, RNH S.r.l. propedeutica ad un Accordo di Programma per l’attuazione di interventi di rigenerazione urbana e alla riqualificazione della Caserma ex Pozzuolo del Friuli.

Con l’approvazione di questa delibera avviamo l’iter per porre fine al problema di Cisterna del Follo che per trent’anni è rimasto irrisolto e, infatti, anche oggi dalle minoranze ho sentito molte critiche, ma non ho ascoltato proposte o soluzioni – ha detto il sindaco Alan Fabbri -. Questo intervento darà finalmente decoro all’area dell’ex Caserma e a via Volano e l’intervento su via Caldirolo sarà l’occasione per portare a Ferrara un’insegna che ancora non esiste sul territorio”.

Poi il sindaco è passato al solito attacco all’opposizione: “Mi dispiace che l’opposizione non sia stata costruttiva, ma sono certo che i cittadini hanno ben compreso la realtà delle cose, soprattutto guardando a quello che chi oggi siede sui banchi del consiglio ha realizzato quando era amministratore. La coerenza è un aspetto fondamentale che non trovo negli interventi del Partito Democratico, che nel marzo 2019 andava ad autorizzare un intervento molto simile a quello di oggi, molto meno qualificante e a ridosso delle mura”.

“Quello di oggi è un primo passo di un percorso complesso, che condivideremo in consiglio con altri atti più dettagliati che ci permetteranno di controllare, passo per passo, le progettualità e le caratteristiche di sostenibilità e riqualificazione – continua Fabbri -. Anche con le Associazioni di categoria avvieremo un confronto di condivisione. A loro va il mio invito a mettere da parte il moralismo per concentrarci, insieme, sulle opportunità concrete, soprattutto considerato che, proprio tra le Associazioni, c’è chi tra i clienti conta realtà della Gdo o ha tra i propri rappresentanti figure legate alla Gdo – conclude il sindaco -. Ringrazio i consiglieri, l’assessore Balboni e i suoi collaboratori. Sono molto fiducioso sul futuro perché vedo la nostra città finalmente pronta a crescere e a conquistare il posto che le spetta a livello regionale e nazionale”.