(Shutterstock)

Le 972 domande di assegnazione della graduatoria provvisoria consultabili sul sito di Comune e Acer

È stata approvata e pubblicata la 33.a graduatoria provvisoria di Edilizia residenziale pubblica-Erp, ordinata in base alle condizioni di punteggio stabilite dal Regolamento di assegnazione approvato dal Consiglio Comunale con delibera n.7132/2020 e modificato con DCC 18490/2022 lo scorso 21 febbraio 2022, che tiene conto delle domande presentate dal 16 ottobre 2020 al 28 febbraio2022.

Le domande di assegnazione presentate dopo il 28 febbraio 2022, tramite la piattaforma online o attraverso Acer, saranno, invece, gestite nel prossimo aggiornamento della graduatoria Erp (la 34.a).

Le 972 domande di assegnazione inserite nella graduatoria provvisoria sono state suddivise negli elenchi consultabili sul sito di Acer e sul sito del Comune (il link).

Alcune domane di assegnazione – spiega l’assessore alle Politiche abitative Cristina Coletti – sono state escluse dalla graduatoria perché mancanti dei requisiti stabiliti dalla normativa regionale. Altre, invece, sono state ammesse con riserva, perché non era presente agli atti di istruttoria tutta la documentazione necessaria a confermare i punteggi attribuiti. I motivi di esclusione, di calo punti o di riserva sono comunicati ad ogni interessato da Acer, l’Azienda Casa Emilia-Romagna. In ogni caso, maggiori chiarimenti possono sempre essere chiesti ad ACER Ferrara e sono comunque visibili nell’area riservata sul portale dell’Amministrazione, applicazione Sosi@home“.

Per sciogliere la riserva – prosegue l’assessore Coletti – è sufficiente produrre la documentazione mancante, che potrà essere prodotta ad ACER o allo Sportello Sociale Casa mediante consegna diretta dei documenti (previo appuntamento da concordare allo 0532 230311 o allo 0532 230367), o mediante inoltro via Pec (affarigenerali@acerferrara.legalmail.it), via email (info.assegnazioni@acerferrara.it), via fax (0532/207854) o per posta ordinaria (ACER Ferrara, corso Vittorio Veneto 7, Ferrara).

Se non si riesce a produrre la documentazione mancante entro i 30 giorni che separano la graduatoria provvisoria dalla pubblicazione di quella definitiva, la domanda sarà inserita con riserva anche in quest’ultima. Sarà comunque possibile sciogliere la riserva sino alla chiamata per l’eventuale assegnazione; la riserva, infatti, non impedisce la chiamata per l’assegnazione, ma l’interessato dovrà produrre la documentazione mancante prima dell’adozione del provvedimento di assegnazione dell’alloggio.

Chi ritenga non corretto il punteggio provvisorio conseguito o l’esclusione potrà chiedere una revisione dell’istruttoria compilando l’apposito modulo che sarà messo a disposizione sul sito del Comune.

Terminata la fase degli eventuali ricorsi, verrà approvata la graduatoria definitiva e si procederà quindi alle chiamate per le assegnazioni, fermo restando che il 10% degli alloggi disponibili sarà riservato alle assegnazioni della graduatoria speciale, formata da quei nuclei che siano inseriti nella graduatoria definitiva e che abbiano conseguito la condizione di punteggio D 5 (persone separate o divorziate con affido anche condiviso dei figli).