L’adolescente, ora in comunità, si era reso protagonista di varie liti nei confronti dei genitori, che più volte avevano richiesto l’intervento dei Carabinieri

Nei giorni scorsi, precisamente la mattina del 16 marzo, a Migliarino, è stata eseguita una misura cautelare nei confronti di un ragazzo di 16 anni, il quale è stato collocato in comunità in quanto ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia.

La misura cautelare è scattata dopo l’ennesima lite di cui l’adolescente si era reso protagonista nei confronti dei genitori; questi episodi erano diventati molto frequenti negli ultimi tempi e più volte avevano richiesto l’intervento dei Carabinieri.

Il provvedimento, eseguito dai Carabinieri di Migliarino, è stato emesso dal GIP del Tribunale per i minorenni di Bologna, su richiesta della Procura della Repubblica minorile del medesimo centro. La misura cautelare ha la finalità, da un lato di interrompere i maltrattamenti di cui si era reso protagonista il ragazzo e dall’altro di consentire e favorire il pieno recupero del giovane per un graduale reinserimento nella famiglia.