Chi faceva la spesa senza mascherina e chi ha mostrato documenti falsi o di altre persone, sanzioni anche per titolari di locali per non aver controllato il green pass

Una disparata varietà di violazioni delle norme anti-Covid, sia amministrative che penali, è ciò che emerge dai controlli svolti dai Carabinieri nella provincia di Ferrara nell’arco degli ultimi sette giorni. 

Nel corso dei controlli i militari si sono confrontati con cittadini che hanno violato l’attuale legislazione antipandemica nei modi più variegati, da chi si è rifiutato di indossare la mascherina facendo la spesa al supermercato, a chi ha esibito green pass di altre persone, tra questi una persona ha esibito documenti risultati falsi (identità e certificazione), e in un altro caso una persona circolava liberamente pur essendo positiva e posta in isolamento dalle autorità sanitarie.

Nei controlli dei green pass per accedere a locali/esercizi pubblici sono stati sanzionati due titolari di bar e un ristoratore per non aver controllato i certificati dei clienti, tra i quali c’era chi consumava all’interno dei locali senza certificazione. Nei controlli sui mezzi di trasporto pubblici gli agenti hanno sanzionati due persone a bordo, uno non era vaccinato e l’altra ha esibito il certificato verde di una terza persona.

In una settimana, nell’ambito della provincia di Ferrara, le pattuglie dell’Arma hanno proceduto al controllo di 117 persone e 23 esercizi pubblici o commerciali, da tale attività sono scaturite 9 sanzioni amministrative e 3 denunce penali.

Le attività di monitoraggio e controllo nella provincia estense sul rispetto della normativa di contenimento pandemico continueranno anche nelle prossime settimane, con il coordinamento della Prefettura estense.