(Foto Shutterstock.com)

Le famiglie non avranno più bisogno di prenotare nelle consuete modalità, ma dovranno semplicemente rispondere “Si” al messaggio con il relativo appuntamento

Per dare ulteriore impulso alla vaccinazione dei giovanissimi (fascia d’età 5-11 anni) l’Azienda USL di Ferrara ha avviato una sperimentazione che prevede di contattare direttamente le loro famiglie (quelle che l’hanno ancora effettuato o prenotato) con un sms di invito a sottoporsi alla somministrazione, in cui viene dato il relativo appuntamento (luogo, data ed orario). Le famiglie non avranno più bisogno dunque di prenotare, nelle consuete modalità, ma dovranno semplicemente rispondere “Si” con sms allo stesso numero di cellulare da cui riceveranno il messaggio. Se invece il genitore vorrà spostare o disdire la prenotazione, potrà farlo attraverso i consueti canali, disponibili a questo link www.ausl.fe.it/vaccinazione-anticovid-19 , a sua volta contenuto nel sms. 

La sperimentazione che si avvia con l’sms di oggi, vuol rappresenta una ulteriore modalità per tentare di semplificare la vita delle famiglie in una fase in cui la diffusione dei contagi, causata dalla diffusione della variante Omicron, rende ancora più chiara la necessità di proteggersi contro il virus per la salute propria, dei propri cari e della comunità. Se la sperimentazione darà esito positivo la modalità sarà ampliata a tutte le famiglie coinvolte e anche alle famiglie dei ragazzi in fascia d’età 12-18 che non hanno ancora iniziato il ciclo vaccinale.

Già da alcuni giorni l’Azienda ha messo in campo la modalità del messaggio diretto alle famiglie per incentivare la vaccinazione di bambini e ragazzi. I primi messaggi sono stati inviati ai genitori dei bambini dai 5 agli 11 anni, nella giornata di giovedì 13 gennaio, contenenti una lettera aperta per rassicurarli e rispondere alle domande più comuni sul vaccino. L’indomani è stato spedito alle famiglie dei giovani dai 12 ai 19 anni che non hanno ancora eseguito la terza dose, un sms di invito a sottoporsi alla dose booster dopo almeno quattro mesi dal completamento del ciclo vaccinale.