Un 51enne mantovano ha minacciato l’impiegata della posta puntandole alla gola un cutter, una volta datosi alla fuga è stato inseguito da alcuni cittadini che avevano assistito alla scena

Intorno alle 10 di ieri mattina, martedì 4 maggio 2021, all’ufficio postale della frazione Pilastri di Bondeno (Fe) si è presentato un utente che chiedeva di effettuare un prelievo; mentre l’impiegata richiedeva al cliente gli estremi del conto corrente postale da cui prelevare la somma, l’uomo con un movimento repentino ha saltato il bancone ponendosi alle spalle della direttrice, e ha minacciato la donna con un cutter estratto dalle tasche e puntandoglielo alla gola. A quel punto l’uomo ha intimato alla dipendente postale di consegnare il denaro della cassa – 1.225 euro in contanti – e, arraffato il malloppo, si è dato alla fuga a piedi.

Alcuni cittadini che avevano assistito alla scena hanno cominciato l’inseguimento del rapinatore, mentre la direttrice dell’ufficio postale ha allertato la centrale operativa 112 dei Carabinieri. Sul posto immediatamente sono giunte le pattuglie delle stazioni di Bondeno e Burana, a cui i cittadini hanno indicato la via di fuga dell’uomo ed un casolare abbandonato come possibile rifugio del malvivente. I militari sono dunque entrati nello stabile abbandonato ed hanno immobilizzato il rapinatore, il quale non ha opposto resistenza all’arresto.

Il rapinatore, B.S., 51enne mantovano noto agli uffici di polizia, è stato trovato ancora in possesso della somma sottratta e del cutter utilizzato per minacciare la direttrice. Dopo la perquisizione è stato trasferito alla Caserma di Bondeno (Fe) e, dopo le formalità di rito, associato alla casa circondariale di Ferrara, a disposizione della Autorità Giudiziaria.