Riccardo Cavicchi

Cavicchi in passato è stato presidente di CNA Turismo. L’avvocato Valeria Ferri eletta vice presidente

Il territorio non vive senza le imprese, le imprese non vi sono senza il sostegno del territorio in cui operano. Per questo è essenziale rilanciare il nostro tessuto imprenditoriale, e superare la grave crisi innescata dall’emergenza sanitaria. Da questo punto di vista, sarà essenziale sfruttare nel modo migliore le risorse messe a disposizione dal Recovery Fund. Cna è in campo, con l’obiettivo di elaborare insieme alle istituzioni e alle altre realtà economiche e sociali dei modelli di sviluppo sostenibile per il post-pandemia”.

Sono alcune delle considerazioni formulate da Riccardo Cavicchi, imprenditore della comunicazione e dell’organizzazione di eventi, nel corso dell’assemblea dell’Area Ferrara di Cna, che ieri, giovedì 8 aprile, lo ha confermato nella propria carica di Presidente. Cavicchi, con la società Delphi International è socio di Cna Ferrara dal 2001. È stato anche, in passato, Presidente di Cna Turismo. Nel ruolo di Vice Presidente è stata eletta Valeria Ferri: giovane avvocata di nascita milanese, è socia Cna dal 2009 e collabora stabilmente con l’associazione. E’ membro del direttivo di Cna Impresa Donna.

Cavicchi e Ferri saranno affiancati da un direttivo composto da:

  • Matteo Fabbri – Tryeco 2.0, prototipazione e stampa 3D;
  • Bruno Faccini – IT Estense, marketing digitale e consulenza informatica;
  • Linda Gardinali – Moto Gardinali Racing, officina specializzata;
  • Sadegh Haidari , ristoratore;
  • Emanuela Toselli – Bar Pasticceria San Giorgio;
  • Roberto Bonora – Modelleria Meccanica Bonora;
  • Giancarlo Stabellini – Chiarati Sistemi, installazione e manutenzione sistemi di sicurezza;
  • Francesco Cavallini – Officina Cosmetica Estense;
  • Ilaria Bigoni – BRAIN, Marketing Digitale ed Eventi;
  • Francesco Valeriani, autofficina Tutto gas;
  • Alessandro Scerra, Dynamic Box, commercio vini e liquori;
  • Valentina Lapierre, libreria La Pazienza;
  • Roberto Cavallari, tinteggiatura e manutenzione edile.

Prima delle operazioni più propriamente elettorali, l’assemblea di Cna Area Ferrara ha ospitato una tavola rotonda diffusa in diretta streaming via Facebook e Youtube a cui hanno partecipato l’Arcivescovo di Ferrara Comacchio Mons. Gian Carlo Perego, il Commissario della Camera di Commercio Paolo Govoni, l’assessore alle attività produttive del Comune di Ferrara Angela Travagli e Davide Bellotti, Presidente Provinciale di Cna Ferrara e lo stesso Riccardo Cavicchi. La moderazione era affidata alla responsabile dell’Area Ferrara Debora Tamascelli.

Dai relatori è venuta una forte esortazione a intraprendere processi virtuosi  per superare la crisi innescata dalla pandemia. Mons Gian Carlo Perego ha messo l’accento sulla necessità di ripartire dalle persone, dalle loro competenze e capacità valorizzate sul territorio. Il senso della comunità, e la capacità di dare voce a tutte le componenti sociali è un elemento essenziale della possibile futura rinascita di una città sempre più mobile e complessa. L’attenzione all’ambiente e a uno sviluppo sostenibile è centrale in ogni futuro piano di sviluppo.

L’amministrazione comunale di Ferrara opera a tutti i livelli per disegnare la ripresa economica del territorio, ha detto l’assessore alle attività produttive Travagli: “il nostro piano strategico tiene conto della sostenibilità ambientale dapprima che comparisse la pandemia”.

Usciamo da un anno incredibilmente difficile” ha detto il Commissario della Camera di Commercio Govoni. “Il sostegno al sistema delle imprese diffuso sul territorio è essenziale perché senza imprese non c’è lavoro né benessere sociale, né qualità della vita. Il recovery fund è una grande occasione da sfruttare”.

E’ necessario dialogare, tra imprese e istituzioni, per porre le basi dell’uscita dalla crisi – ha detto il Presidente provinciale di Cna Davide Bellotti –. Ciò che conta, è condividere una profonda convinzione della necessità di fare sistema, stringendo alleanza tra pubblico e privato e tra territori e settori diversi”.