Guardia di Finanza in centro a Ferrara

I commensali erano seduti per il pranzo inosservanti delle norme anti-contagio. Chiusi per 5 giorni i due ristoranti

I finanzieri del Comando Provinciale di Ferrara, nel corso delle attività di controllo economico del territorio, svolte per assicurare l’osservanza delle norme per contenere l’emergenza epidemiologica, hanno sanzionato 2 ristoratori, uno a Comacchio e l’altro a Ferrara, e 24 persone (tutti clienti) per non aver rispettato i divieti imposti dal DPCM del 2 marzo 2021.

Due sono stati complessivamente gli interventi effettuati nel corso dell’ultimo weekend pre pasquale dalle Fiamme Gialle. Nel primo, a Lido Spina, i finanzieri della Tenenza di Comacchio hanno sorpreso 11 persone sedute in cinque tavoli diversi che consumavano il pranzo non curanti dei divieti in vigore (questo è il secondo caso accertato a Lido Spina in una sola settimana). A nulla sono valse le giustificazioni dichiarate dai commensali: tutti erano nel ristorante in palese violazioni delle regole anti-contagio. Gli 11 commensali e il ristoratore sono stati immediatamente identificati dalle fiamme gialle comacchiesi.

Il secondo intervento, svolto dalla Compagnia di Ferrara, nel centro storico della città estense, è stato speculare al primo: 11 persone sono state identificate mentre venivano servite ai tavoli di un ristorante, disattendendo le norme anti-Covid.

Per i 22 clienti dei due esercizi, è scattata la sanzione amministrativa prevista dalle ultime disposizioni ministeriali del 2 marzo, che va da un minimo di 400 euro a un massimo di 1.000 euro, perché trovati in zona rossa in assenza di validi motivi, che come noto devono essere comprovati da effettive esigenze lavorative, di salute o di necessità.

Anche per i 2 titolari dei pubblici esercizi che non hanno rispettato le restrizioni anti contagio è scattata la relativa sanzione amministrativa, di pari importo, per non aver sospeso l’attività di ristorazione in piena emergenza pandemica. Agli imprenditori è stata inoltre irrogata la sanzione accessoria della chiusura immediata dell’attività per 5 giorni lavorativi, in attesa dell’ulteriore decisione del Prefetto di Ferrara, sull’applicazione di un eventuale periodo aggiuntivo di sospensione (fino a un massimo di ulteriori 25 giorni) che entrerà in vigore allorquando le attività di ristorazione potranno riprendere a pieno titolo in presenza di clienti serviti al tavolo.

Le Fiamme Gialle, nel corso del weekend scorso hanno peraltro sanzionato altre 6 persone, tutte sui lidi comacchiesi, che circolavano con le proprie auto, dopo le 22, inosservanti del coprifuoco e senza le giustificate ragioni.

L’attività della Guardia di Finanza si inserisce nel contesto dei servizi pianificati sotto la cabina di regia della Prefettura di Ferrara, per garantire, con l’attuazione di regole condivise ed uniformi, il contenimento della diffusione del Covid-19 in tutta la provincia, nel rispetto delle misure messe in atto per fronteggiare l’emergenza sanitaria a tutela della salute pubblica e per salvaguardare tutti gli operatori economici che, seppur in sofferenza finanziaria, rispettano le misure anti- contagio in vigore.