CC sequestro fucili a Mesola

Un pensionato del luogo custodiva nella sua casa oltre 50 armi da fuoco. Le indagini partite dopo il ritrovamento di un fucile in un campo nomadi nel padovano

Nel corso di una perquisizione avvenuta nei giorni scorsi all’interno di un campo nomadi a Piove di Sacco, nel padovano, i Carabinieri del posto hanno rinvenuto un fucile. L’arma rinvenuta non appariva negli archivi come da ricercare e, dalla matricola, risultava di proprietà di un collezionista d’armi residente a Mesola. I Carabinieri di Piove di Sacco hanno dunque inviato una segnalazione ai colleghi della Stazione di Mesola (Fe).

I militari ferraresi quindi hanno immediatamente proceduto all’accesso nell’abitazione di M.R., 62 enne pensionato del luogo, il quale risultava custodire legalmente, nella sua casa, oltre 50 armi da fuoco. Dal controllo effettuato dai Carabinieri sono risultate mancanti all’appello, non solo il fucile rinvenuto a Piove di Sacco, ma anche altri 3 fucili. Il pensionato non era in grado di giustificare l’ammanco delle armi, non avendo mai subito effrazioni, furti o accessi indebiti alla propria abitazione. Vista la situazione, le 47 armi ancora nelle mani del collezionista sono stare ritirate dai Carabinieri, che inoltre hanno proceduto anche al deferimento dell’uomo in stato di libertà, per l’omessa custodia, alla Procura della Repubblica estense.