Piante abbattute in area protetta

I Carabinieri Forestali hanno sorpreso più persone intente ad abbattere e potare piante in assenza dei prescritti titoli abilitativi

Ancora scempi in danno delle risorse naturali del territorio ferrarese. Questa volta i Carabinieri Forestali della Stazione di Comacchio sono intervenuti all’interno dei boschi siti nelle località “Goara” e “Romanina” e della Riserva Naturale “Bosco della Mesola”, dove hanno sorpreso più persone intente ad abbattere e potare piante in assenza dei prescritti titoli abilitativi. All’arrivo dei militari, il taglio abusivo aveva già interessato oltre 3.000 mq di superficie boscata ed oltre 200 essenze arboree, di cui una parte sradicata con l’ausilio di ruspe. Gli autori del fatto scellerato, prontamente identificati dagli Agenti, sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per i reati previsti dalle leggi statali a tutela del paesaggio e delle aree protette; inoltre sono stati sanzionati, sotto il profilo amministrativo, ai sensi della normativa regionale che disciplina la gestione dei siti naturali protetti.

I controlli sui tagli boschivi costituiscono il fulcro dell’attività istituzionale svolta dai Carabinieri Forestali per la salvaguardia del patrimonio naturalistico, oggi sempre più esposto a comportamenti umani che, fuori da ogni controllo, arrecano notevoli danni ai delicati equilibri ecologici preservati attraverso il sistema delle aree protette.