Il cantieri a Cento dove si è verificata la lite
Il cantieri a Cento dove si è verificata la lite

Trasportato in elisoccorso all’ospedale di Cona è in pericolo di vita. Arrestato il collega

Nel pomeriggio di sabato 30 gennaio 2021 una cittadina di Cento ha chiamato i Carabinieri allarmata da una violenta lite scoppiata tra due uomini nei pressi di un cantieri edile in via Frescobaldi. Sul posto è giunta una pattuglia della Stazione di Renazzo (FE), che in quel momento era la più vicina al luogo dell’evento; all’arrivo i militari hanno trovato un capannello di operai riuniti attorno a un uomo disteso a terra che intanto era stato soccorso dal personale del 118, intervenuto contemporaneamente ai Carabinieri.

Le persone che si trovavano sul luogo sono stati tutti condotti in caserma a Cento, mentre l’uomo ferito è stato trasportato in elisoccorso in “codice rosso” all’ospedale di Cona.

Le indagini effettuate dai Carabinieri intervenuti, coadiuvati dal personale del Nucleo Operativo della Compagnia e della stazione di Cento, hanno permesso di identificare l’uomo ferito: l’operaio edile è un 32enne tunisino residente a Finale Emilia (MO), dipendente di una ditta operante in un vicino cantiere.

Secondo la ricostruzione, nel corso della giornata il 32enne avrebbe avuto degli screzi, in cantiere, con un collega di lavoro, un 43enne modenese (R.V.P.), e al termine del turno di lavoro i due si erano affrontati; l’operaio modenese avrebbe sferrato un violento pugno in faccia al tunisino, il quale cadendo a terra ha riportato un grave trauma cranico con emorragia celebrale, rimanendo al suolo privo di conoscenza.

L’operaio 32enne è stato sottoposto ad intervento chirurgico e dichiarato dai sanitari “in pericolo di vita”. Il responsabile della violenza è stato arrestato e condotto al carcere di Ferrara, dove attenderà l’udienza di convalida del provvedimento restrittivo e le determinazioni dell’Autorità Giudiziaria estense.