CC Tutela Agroalimentare

Il Comando dei Carabinieri per la Tutela Agroalimentare ha sequestrato 1,2 tonnellate di molluschi bivalvi vivi

Nei giorni scorsi i Carabinieri per la Tutela Agroalimentare di Parma, congiuntamente con i Comandi Provinciali di Ferrara e Forlì, nell’ambito di controlli svolti nel periodo natalizio a carico di produttori e commercianti di molluschi bivalvi vivi presenti sul litorale adriatico, hanno rilevato infrazioni di natura penale ed amministrativa, e hanno dunque proceduto alla denuncia in stato di libertà di due persone:  

  • alla Procura della Repubblica di Ferrara del legale rappresentante di una società con sede a Goro (FE), responsabile del reato di “tentata frode in commercio” poiché è stato accertato che su 480 confezioni di cozze, per complessivi 480 kg, era riportata una data di confezionamento posticipata rispetto a quella reale;
  • alla Procura della Repubblica di Forlì del legale rappresentante di una società, con sede a Cesenatico (FC), responsabile del reato di “tentata frode in commercio”, poiché veniva sorpreso subito dopo aver apposto su 104 confezioni di scampi congelati, per complessivi 312 kg scaduti nell’anno 2019, nuove etichette che riportavano data di scadenza anno 2021.

Inoltre, nel corso dell’attività ispettiva, i Carabinieri per la Tutela Agroalimentare hanno proceduto al sequestro amministrativo di:

  • 193 confezioni di cozze, ostriche e vongole veraci, per complessivi 182 kg, a carico di una cooperativa di Goro (FE); 
  • 253 confezioni di ostriche, per complessivi 253 kg, a carico di una società con sede a Porto Garibaldi (FE).

Tali sequestri sono stati eseguiti poiché le parti, all’atto del controllo, non sono stati in grado di esibire la documentazione attestante la provenienza del prodotto. A seguito di tali condotte, sono state anche elevate sanzioni per € 3.000,00.

CC per la tutela agroalimentare