calendario-natale-2020

Il calendario dei giorni rossi e arancioni

È ufficiale, con l’inserimento in Gazzetta Ufficiale (in allegato in fondo all’articolo), il nuovo Decreto Legge di Natale, che modifica i provvedimenti di contrasto alla diffusione del Covid-19 in Italia nel periodo dal 24 dicembre al 6 gennaio. Come anticipato durante la conferenza stampa di ieri sera dal Premier Giuseppe Conte, tutto il paese sarà zona rossa nelle giornate festive e pre-festive, arancione invece nei giorni feriali.

Di seguito tutti i provvedimenti che saranno in vigore (si ricorda invece che fino al 23 dicembre la regione Emilia-Romagna resta inserita in zona gialla):

SPOSTAMENTI TRA REGIONI VIETATI

Dal 21 dicembre al 6 gennaio vietato ogni spostamento tra regioni (e da/per le province autonome), compresi quelli per raggiungere le seconde case fuori regione.

ZONA ROSSA

Nelle giornate di zona rossa, ovvero 24, 25, 26, 27 e 31 dicembre, 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio 2021, consentiti SOLO gli spostamenti per motivi di lavoro, salute e necessità. Per muoversi da casa è necessaria l’autocertificazione (compilabile anche sul posto in caso di controllo).

Resta sempre CONSENTITA l’attività motoria nei pressi della propria abitazione e l’attività sportiva all’aperto, ma solo in forma individuale.

A differenza dei provvedimenti precedenti, è CONSENTITA la visita ad amici o parenti, dalle ore 5 alle ore 22 e massimo due persone alla volta. I figli minori di 14 anni, le persone con disabilità e i conviventi non autosufficienti sono esclusi dal conteggio delle due persone.

CHIUSI negozi al dettaglio, centri estetici, bar e ristoranti. Resta consentito l’asporto (fino alle ore 22) e le consegne a domicilio senza restrizioni.

APERTI supermercati e negozi di beni alimentari e di prima necessità, farmacie e parafarmacie, edicole, tabaccherie, lavanderie, parrucchieri e barbieri.

ZONA ARANCIONE

Nelle giornate di zona arancione, ovvero 28, 29 e 30 dicembre, e 4 gennaio 2021, spostamenti sempre consentiti all’interno del proprio comune. È inoltre possibile spostarsi da piccoli comuni (fino a 5mila abitanti) in un raggio di 30km, senza poter però andare nei comuni capoluogo di provincia.

CHIUSI bar e ristoranti, consentito l’asporto (fino alle ore 22) e le consegne a domicilio senza restrizioni.

APERTI i negozi fino alle ore 21.