Ieri l’incontro con i rappresentanti sindacali in Comune

A seguito dell’annuncio fatto dall’azienda relativo all’intenzione di chiudere l’impianto attualmente operativo all’interno dell’area ex Solvay in viale Marconi, nella mattina di ieri, giovedì 30 luglio, il sindaco di Ferrara Alan Fabbri ha incontrato, alle presenza degli assessori Travagli (Lavoro, Attività produttive, Fiere e mercati) e Fornasini (Bilancio, Commercio e Turismo), le rappresentanze sindacali provinciali e di settore di Cgil, Cisl e Uil.

Ho incontrato – ha affermato Fabbri – i rappresentanti delle forze sindacali che ringrazio per avermi aggiornato sulla situazione emersa negli ultimi giorni in merito all’annuncio della chiusura di un impianto Celanese di Ferrara. Ne prendo atto e ribadisco la ferma contrarietà da parte dell’Amministrazione comunale allo spostamento in altra sede dell’azienda e faremo di tutto perché questa importante realtà imprenditoriale del settore chimico industriale rimanga operativa nel nostro territorio. Rimarco il fatto che i responsabili dell’azienda non ci abbiano ancora contattati e questo comportamento a mio avviso è poco corretto dal punto di vista istituzionale e dei reciproci rapporti“.

Attiveremo al più presto un tavolo di verifica e confronto con i sindacati e il mondo produttivo ferrarese – ha continuato il sindaco – per elaborare le strategie e le sinergie più efficaci per uscire da questa situazione quindi contatterò i vertici dell’azienda per organizzare un incontro insieme al presidente regionale Stefano Bonaccini, gli assessori regionali Paolo Calvano e Vincenzo Colla e tutti gli interlocutori che possono fare sinergia per ottenere un risultato utile. Mi rendo conto che non sarà un percorso facile, ma faremo tutto il possibile per raggiungere l’obiettivo nell’interesse del territorio“.