13 i progetti finanziati nella provincia di Ferrara

Una ricca e variegata serie di proposte di musica dal vivo, dal pop al jazz, dalla classica alla lirica, appuntamenti internazionali e iniziative per valorizzare i piccoli borghi dell’Appennino e i centri di pianura nella stagione estiva. E poi mostre d’arte, promozione della scrittura narrativa e della poetica, progetti di valorizzazione dei piccoli teatri, iniziative per promuovere la legalità e la cittadinanza consapevole.

La Giunta regionale ha varato il piano 2020 a sostegno di progetti e iniziative di promozione culturale (legge 37/94), che assegna circa 3,5 milioni di euro: 2.975.000 euro a sostegno di 203 progetti di promozione culturale di soggetti pubblici e privati del territorio, e 525 mila euro ai soggetti convenzionati (pubblici e privati).

La presentazione dei progetti è avvenuta in piena emergenza Covid-19. Ciò nonostante, complessivamente sono arrivate in Regione 316 domande tra quelle di associazioni ed enti locali. Di queste, sono state ammesse a contributo 147 domande presentate da Associazioni e Istituzioni, che hanno ottenuto un contributo di 1.829.500 euro e 56 presentate da Comuni e Unioni comunali, per 1.145.500 euro.

La ripartizione delle risorse rispecchia in modo proporzionale il numero dei progetti pervenuti. A Ferrara e provincia sono stati assegnati complessivamente 215mila euro per 13 progetti, di cui 184mila a soggetti privati per 11 progetti e 31mila ad Enti locali per 2 iniziative.

Il bando aveva l’obiettivo di favorire il recupero e la valorizzazione sia della cultura popolare, della storia e delle tradizioni locali, sia di altre culture, oltre a sostenere la realizzazione di progetti per promuovere l’arte contemporanea, la creatività giovanile e i nuovi talenti. Rilevante anche il sostegno alla diffusione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile. Vengono inoltre incentivati progetti integrati, favorendo l’aggregazione fra i vari soggetti.

I progetti per provincia:

  • In provincia Forlì-Cesena i contributi regionali ammontano a 380mila euro per 26 progetti, di cui 144mila a soggetti privati per 15 progetti e 236mila ad Enti locali per 11 iniziative.
  • Ferrara e provincia sono stati assegnati complessivamente 215mila euro per 13 progetti, di cui 184mila a soggetti privati per 11 progetti e 31mila ad Enti locali per 2 iniziative.
  • Modena e provincia sono andati 395.500 euro per 25 progetti, di cui 271.500 a soggetti privati per 18 progetti e 124mila a Enti locali per 7 iniziative.
  • Parma a provincia i contributi ammontano a 243mila euro per 19 progetti: di cui 150mila a soggetti privati per 14 progetti e 93mila ad Enti locali per 5 iniziative.
  • Piacenza e provincia sono stati assegnati 188.500 euro per 17 progetti, di cui 126mila a soggetti privati per 13 progetti e 62.500 ad Enti locali per 4 iniziative.
  • Ravenna e provincia sono andati complessivamente 213mila euro per 15 progettidi cui 181mila ai soggetti privati per 13 progetti e 32mila ad Enti locali per 2 iniziative.
  • Reggio e provincia sono stati assegnati 359mila euro per 24 progetti, di cui 208mila ai soggetti privati per 16 progetti e 151.000 ad 8 iniziative di Enti locali
  • Rimini e provincia i contributi ammontano a 201mila euro per 12 progetti, di cui 65mila ai soggetti privati per 7 progetti e 136mila euro ad Enti locali per 5 iniziative.

Le convenzioni triennali (2019-21) 

A questi contributi regionali si aggiunge la quota annua ai soggetti pubblici e privati in convenzione. Nel 2020, a seguito dell’emergenza Covid-19 e delle sue gravi ripercussioni sul settore culturale,  sono stati riconfermati i contributi assegnati nel 2019 in presenza di programmi di attività articolati e consolidati promossi da 4 organizzazioni e associazioni culturali di dimensione regionale (Arci E-R, Endas E-R, Acli Arte e Spettacolo regionale, Aics comitato regionale), 2 istituzioni ( Fondazione Mic.-Museo delle Ceramiche di Faenza Onlus e Fondazione Massimo e Sonia Cirulli -Bo) e 3 Unioni di Comuni (Reno Galliera -Bo, Frignano- Mo, Romagna faentina- Ra), per un impegno finanziario complessivo da parte della Regione di 525 mila euro.