Il Festival Interno Verde sbarca in Veneto
Una foto della scorsa edizione del Festival Interno Verde

I weekend che gli amanti di roseti, orti, labirinti di siepi e alberi secolari devono appuntare in agenda sono cinque

Il festival Interno Verde, ideato a Ferrara nel 2016, passa il confine fisico e simbolico del fiume Po e raggiunge il Veneto. Quest’anno per la prima volta si aggiungerà alle edizioni ormai consolidate un nuovo appuntamento, per scoprire in primavera i meravigliosi giardini segreti di Vicenza.

«Nove anni fa non potevamo immaginare che saremmo cresciuti così tanto», raccontano gli organizzatori, Licia Vignotto, Riccardo Gemmo, Giulia Nascimbeni e Giacomo Lodi. «Ci siamo dedicati a questo evento mossi dalla curiosità personale. Volevamo conoscere la natura che si intravede passeggiando lungo le strade di Ferrara, che spunta in forma di fronde e piante rampicanti oltre i muri che caratterizzano il vecchio nucleo medievale, e che ogni tanto capita di sbirciare attraverso i portoni degli eleganti palazzi rinascimentali. Ci siamo resi conto che questo desiderio era condiviso da tantissime persone. Per questo coinvolgere e farci coinvolgere da altri territori è stato spontaneo, un’evoluzione che ci richiede molto impegno, ma allo stesso tempo ci regala sorprese e soddisfazioni».

Le date dell’edizione 2024 sono appena state lanciate, e al sito www.internoverde.it è già possibile iscriversi, scegliendo la città preferita. I weekend che gli amanti di roseti, orti, labirinti di siepi e alberi secolari devono appuntare in agenda sono cinque. Interno Verde sarà a Parma il 27 e il 28 aprile, a Piacenza l’11 e 12 maggio, a Mantova il 6 e il 7 luglio, a Ferrara il 14 e il 15 settembre, a Vicenza il 28 e il 29 settembre.

«Ferrara resta la casa di Interno Verde. Non solo perché hanno sede qui Ilturco, l’associazione che ha inventato l’iniziativa, e la cooperativa no profit creata successivamente per consolidare la gestione dell’evento. Resta la casa del festival perché vanta un patrimonio di giardini urbani più unico che raro, e perché qui tutto è nato e tutto potenzialmente può nascere», concludono i responsabili. «Spesso sono gli stessi abitanti a dipingerla come uno spazio chiuso. In realtà, questo almeno è quello che abbiamo imparato dalla nostra esperienza, è un luogo ideale per sperimentare e innovare. A breve, il 21 marzo, verrà lanciata una nuova realtà, Interno Verde Mag: una redazione di studenti e giovani professionisti che avrà sede sempre in via del Turco 39 e si occuperà delle tante declinazioni che assume la natura in città. Il progetto è promosso dalla Regione Emilia-Romagna, siamo molto curiosi di vedere che forma avrà e quale percorsi potrà intraprendere».

Interno Verde è patrocinato dalla Regione Emilia-Romagna, dal Comune e dall’Università degli Studi di Ferrara, dall’Associazione Italiana Architettura del Paesaggio, dall’Associazione Nazionale Pubblici Giardini, dall’Associazione Parchi e Giardini d’Italia.