Sono 133 i morti dall’inizio dell’epidemia

Oggi, domenica 3 maggio, il decesso di tre persone si aggiunge alla triste lista dei decessi di persone Covid positive nella provincia di Ferrara. Si tratta di un 76enne di Cento, un uomo di 65 anni di Comacchio e una donna di Argenta di 85 anni, che era ospite della casa residenziale “Manica”. Tutte e tre le vittime sono decedute presso l’ospedale di Cona, il 65enne si trovava nel reparto di terapia intensiva, e tutti e tre presentavano patologie pregresse.

Ad oggi nel ferrarese le morti sono in totale 133 (tra cui 9 residenti fuori provincia e 2 fuori regione). A Ferrara e provincia i decessi sono 122, tra cui il numero più alto si registra, con 33 morti, ad Argenta, dove 9 persone erano residenti, 2 erano ospiti alla casa residenziale “La Fiorana”, 16 alla “Manica” e 6, uno in più rispetto all’aggiornamento di ieri, a “Villa Aurora”. La città capoluogo registra 22 decessi, 17 Cento (1 ospite di una struttura di Ferrara), 3 Voghiera, 3 Goro, 4 Poggio Renatico (2 ospite di una casa famiglia), 2 Copparo, 2 Ostellato, 5 Fiscaglia, 6 Codigoro (1 ospite di una casa famiglia, 2 ospiti casa residenziale “Alma”), 4 Mesola (1 ospite della Comunità Alloggio Bosco Mesola), 2 Terre del Reno, 3 Bondeno, 2 Jolanda di Savoia, 1 Tresignana, 7 Comacchio (1 ospite dell’hospice di Codigoro), 4 Portomaggiore, 2 Riva del Po (1 ospite della Casa Protetta Capatti di Riva del Po).

Nelle ultime 24 ore sono pervenuti i risultati per 139 tamponi, e fra questi soltanto 2 sono risultati positivi a Covid-19 (uno a Ferrara e uno ad Argenta). In attesa di referto rimangono 201 tamponi.

Per quanto riguarda i ricoveri, i dati sono riferiti alla giornata di ieri 2 maggio, all’ospedale di Cona sono stati ricoverati 8 pazienti; 3 all’ospedale del Delta e 2 casi sospetti di Covid sono stati ricoverato all’ospedale di Cento (un residente di Cento e uno di Terre del Reno). Al proprio domicilio sono 2 i nuovi pazienti risultati positivi a Covid-19.

Nella giornata di ieri, sabato 2 maggio, 2 persone sono state dimesse dall’ospedale di Cona (1 uomo di Ferrara di 57 anni e una donna di Argenta di 76). Ad oggi sono complessivamente 156 le persone dimesse dall’ospedale di Cona. Dall’ospedale del Delta sono invece 63 i pazienti dimessi, tra cui 1 nella giornata di ieri (residente a Poggio Renatico). Sono inoltre 81 le persone uscite dall’isolamento domiciliare o dalla sorveglianza telefonica nelle ultime 24 ore.

Ad oggi complessivamente i casi in provincia di Ferrara risultati positivi a Covid-19 sono 933. Fra questi attualmente 402 sono ricoverati in ospedale e 531 si trovano in isolamento al proprio domicilio.

Fra i dipendenti dell’ospedale S. Anna sono 29 quelli fino ad ora risultati positivi a Covid-19 dall’inizio della pandemia. Attualmente sono 13 quelli che risultano positivi e 16 i dipendenti che si sono negativizzati.

 

AGGIORNAMENTO REGIONALE

26.016 i positivi in Emilia-Romagna dall’inizio della crisi, 166 in più rispetto a ieri, incremento fra i più bassi in assoluto. 416 i nuovi guariti, che salgono a 13.329. Continua il calo dei casi attivi, -278, scesi a 9.045. 4.284 guariti in più rispetto ai malati effettivi.

Quelli lievi in isolamento a domicilio sono 6.131 (-165). Salgono a 197.075 i tamponi effettuati: 4.940 in più rispetto a ieri. In diminuzione i ricoverati nei reparti Covid (-36). I nuovi decessi sono 28.

 

AGGIORNAMENTO NAZIONALE

A oggi, 3 maggio, il totale delle persone che hanno contratto il virus in Italia è 210.717, con un incremento rispetto a ieri di 1.389 nuovi casi. Il numero totale di attualmente positivi è di 100.179, con una decrescita di 525 assistiti rispetto a ieri. Tra gli attualmente positivi 1.501 sono in cura presso le terapie intensive, con una decrescita di 38 pazienti rispetto a ieri.

17.242 persone sono ricoverate con sintomi, con un decremento di 115 pazienti rispetto a ieri. 81.436 persone, pari al 81% degli attualmente positivi, sono in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi.

Rispetto a ieri i deceduti sono 174 e portano il totale a 28.884. Il numero complessivo dei dimessi e guariti sale invece a 81.654, con un incremento di 1.740 persone rispetto a ieri.