Si svolgerà dal 17 al 19 luglio 2020

Il “Bundan” tornerà nella golena del Po, vivo e vegeto, perché “simbolo della kermesse celtica per antonomasia ed è destinato ad essere raffigurato nella golena di Stellata ancora per lungo tempo”.

La decisione di riconfermare il Bundan Celtic Festival, anche per l’edizione del 2020, era nell’aria, anche se molti l’avevano interpretata come una semplice indiscrezione. Una notizia che certamente non mancherà di rallegrare i tanti frequentatori della rievocazione estiva della presenza dei celti lungo le rive del Po, che si svolge periodicamente nella golena della Rocca Possente.

L’edizione del 2019 era stata certamente una delle più articolate e spettacolari di sempre, e pareva destinata a rimanere l’ultima edizione della kermesse, ma a grande richiesta il Bunadan si farà regolarmente anche durante la prossima estate.

E’ stato lo stesso presidente dell’associazione organizzatrice, Diego Zaniboni, a certificare la continuazione del Bundan: «Abbiamo avuto un incontro con il sindaco di Bondeno, Fabio Bergamini, ed il vicesindaco con delega alla promozione del territorio, Simone Saletti – dice il presidente di Teuta Lingones – per capire come proseguire lungo questa avventura che dura ormai da 16 anni. «L’organizzazione si era impegnata – continua – per creare un grande evento nel 2019, che potesse rappresentare la degna conclusione della manifestazione nata per volontà di alcuni intrepidi appassionati, diversi anni fa. Non voglio dire che sia stato il Bundan Celtic Festival più bello di sempre, ma certamente le energie che sono state profuse la scorsa estate sono andate nella direzione di rendere indimenticabile quella che pensavamo fosse l’ultima accensione del fuoco sacro, ed il resto della festa: i concerti, la gastronomia, lo spettacolo di rievocazione storica con figuranti arrivati da tutte le parti d’Italia. Vedremo di continuare su questa strada anche per l’edizione 2020».

Ciò che ha fatto cambiare idea all’organizzazione sono gli innumerevoli messaggi, post su Facebook e comunicazioni arrivate su tutti i social, dove è stato aperto un hashtag: #SaveTheBundan. Durante le giornate dell’ultima edizione, poi, su di un albo sono state raccolte firme, in una sorta di petizione. In pochi giorni sono state raccolte migliaia di sottoscrizioni, con messaggi di stima e richieste affinché il Bundan possa continuare ad esistere. C’è chi ha scritto piccole poesie, altri hanno corredato i messaggi con rappresentazioni artistiche. «Davvero un attestato di affetto che non poteva lasciarci indifferenti – ha rivelato Diego Zaniboni –. Alla fine, parlando con Alan Fabbri, con Marcello Micai e tutti gli altri co-organizzatori della rassegna, abbiamo deciso di proseguire questa avventura, che rappresenta comunque un elemento in grado di creare indotto per il territorio, per le attività commerciali e ricettive, senza contare la grande partecipazione ed adesione di tutto il mondo del volontariato locale».

Anche quest’anno quindi il Bundan si prepara a stupire: l’appuntamento è per il 17, 18 e 19 luglio nella golena del Po di Stellata, dove druidi, ninfe e guerrieri torneranno ad essere di casa… e probabilmente rimarranno ancora a lungo.