Iniziativa di Ascom e Fipe Confcommercio con il patrocinio del Comune di Ferrara ed Unife

“Non far casino che è quasi mattino”: su questa rima gioca lo slogan al centro della campagna di sensibilizzazione per aumentare l’attenzione di quanti frequentano nelle ore notturne le zone pubbliche della città, a partire da piazza Verdi. 
L’iniziativa è promossa da Ascom Confcommercio e Fipe Confcommercio di Ferrara col doppio patrocinio del Comune di Ferrara e dell’Università di Ferrara: a presentare la campagna di sensibilizzazione è Matteo Musacci, presidente provinciale della Federazione dei Pubblici Esercizi, affiancato dal direttore generale di Ascom Confcommercio Ferrara, Davide Urban. 
“Si tratta di un progetto – spiega il presidente – che tende a stimolare e sensibilizzare comportamenti per una buona e sana movida: un uso dei toni e della voce non oltre le righe, tolleranza e sensibilità, e certamente non ultimo il rispetto per l’ambiente evitando di lasciare rifiuti in giro nelle aree urbane. Insomma: rispetto delle persone, dei residenti in particolare, e dei luoghi. Vogliamo lanciare un messaggio forte di sensibilizzazione e d’informazione. Realizzare un fronte congiunto che veda insieme collaborare nel rispetto reciproco avventori, gestori dei locali e residenti – e rispetto alle future decisioni del Comune – Musacci aggiunge – L’importante è che qualsiasi decisione si prenda, si tuteli l’azione dei pubblici esercizi che sono un importantissimo presidio di legalità e di controllo sociale”.

 
Daranno supporto al progetto, in partenza già dai prossimi giorni, le associazioni Mayr+Verdi: Mauro Balestra ha chiarito: “Siamo a fianco di questo progetto,  è importante prevenire piuttosto che curare. E già stiamo collaborando con successo sull’iniziativa legato al recupero dei bicchieri di vetro (“Less Glass”)”. Gobetti-Matteotti-San Romano,  rappresentata da Franca Arca che ha sottolineato “il fondamentale significato di un progetto che va evidenziare la funzione dell’educazione civica e che sosteniamo con entusiasmo”. Hanno dato il loro sostegno inoltre la rete di imprese di piazza della Repubblica e la costituenda associazione degli operatori commerciali delle vie Garibaldi e Lucchesi. 
“In definitiva – ha concluso Urban – ciò che proponiamo con pacatezza e determinazione è un patto propositivo e di buon senso tra residenti, operatori ed ente pubblico per riaffermare il principio che la città è di tutti e tutti devono portare rispetto”   
L’iniziativa – in partenza dalla prossima settimana con la distribuzione dei materiali – sarà segnalata graficamente da una locandina che avrà un’ampia e capillare distribuzione nelle aree più a rischio: un modo per coinvolgere, informare e prevenire. Per ricordare insomma le condizioni perché la Movida notturna rappresenti un momento di divertimento civile, animando il centro storico senza gravare oltre i limiti sui residenti.