Consigli e suggerimenti per evitare episodi di raggiro

Continuano gli episodi di raggiro, soprattutto ai danni di persone anziane e sole. Attraverso un comunicato Hera vuole mettere in guardia i cittadini dai falsi operatori.

L’azienda ricorda ai clienti che i propri operatori non sono incaricati ad intervenire sugli impianti interni, ad eccezione dei casi di sostituzione dei contatori quando posizionati all’interno dell’abitazione. Pertanto, qualora qualcuno si presentasse autonomamente a domicilio per la verifica dei sistemi idraulici, elettrici o del gas all’interno delle abitazioni, non può trattarsi di un operatore di Hera.

Per la lettura dei contatori, invece, spesso non è necessario neppure far entrare in casa il personale incaricato, poiché di norma l’apparecchio è collocato all’esterno. Nel caso in cui il contatore fosse invece all’interno dell’abitazione, si ricorda che è sempre possibile fare l’autolettura con i canali messi a disposizione dall’azienda.

Gli unici operatori incaricati di contattare i clienti a domicilio sono gli agenti di Hera Comm, la società commerciale del Gruppo Hera, che si recano a casa dei clienti per presentare loro le nuove proposte di fornitura luce e gas con offerte a mercato libero. Sono riconoscibili grazie a un tesserino che indossano e che contiene nome e cognome, foto e il logo “Hera Comm – Agenzia autorizzata”. Per avere la massima sicurezza, è anche possibile chiamare il servizio clienti Hera 800.999.500 e chiedere conferma rispetto al nominativo dell’addetto che si reca a domicilio, poiché gli operatori del numero verde Hera dispongono dell’elenco costantemente aggiornato di tutti gli agenti autorizzati.

In nessuna circostanza, infine, il letturista o le agenzie autorizzate da Hera Comm possono effettuare incassi o rimborsi di denaro. Inoltre, mai alcun operatore è stato incaricato da Hera della vendita di apparecchiature relative agli impianti interni del gas o per la sicurezza domestica”.

Hera invita a segnalare direttamente i casi sospetti al servizio clienti 800.999.500, attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 22 e al sabato dalle 8 alle 18 (da cellulare 199.199.500, numero non gratuito) e alle autorità competenti chiamando il 112 o il 113.