Nubifragio a Portomaggiore
(Shutterstock.com)

Salvato da Carabinieri e Vigili del Fuoco

I Carabinieri della Stazione i Vigili del Fuoco, entrambi di Cento, coadiuvati da personale specializzato del Nucleo Investigativo Carabinieri di Ferrara oggi pomeriggio hanno evitato che un trentacinquenne di origine nigeriana potesse portare a termine il suo intento suicida.

Erano circa le 13:00 quando l’uomo è salito al settimo piano di un palazzo del centro storico di Cento minacciando di gettarsi nel vuoto a causa della perdita del lavoro e delle difficoltà nel trovare un’altra occupazione.
Ai militari delle Stazioni di Cento e di Vigarano Mainarda subito arrivati sul posto l’uomo ha intimato di allontanarsi per poi calarsi fino al secondo piano lungo le tubature del gas.

Pochi istanti dopo sono arrivati anche il personale dei Vigili del Fuoco, del 118 e il Sindaco.
I Carabinieri hanno quindi tentato di intavolare un dialogo per farlo desistere dal proprio intento ma il nigeriano ha categoricamente rifiutato di parlare con personale in uniforme. A questo punto è stato attivato il “negoziatore” del Comando Provinciale di Ferrara, un Luogotente specializzato nella risoluzione di problematiche che vedono coinvolte persone in stato di alterazione psicofisica.

Nel frattempo è stato anche predisposto un dispositivo composto da personale dei Carabinieri, dei Vigili del Fuoco e del 118, che, salito al piano dove si trovava il nigeriano, era pronto ad intervenire in qualsiasi momento. Approfittando di un momento di distrazione dell’uomo, con un fulmineo intervento, coordinato dal Comandante della Compagnia Carabinieri di Cento, lo stesso è stato bloccato e messo in sicurezza per poi essere accompagnato, con autoambulanza, presso il Pronto Soccorso dell’Arcispedale Sant’Anna di Cona.

La fulminea azione dei Carabinieri coordinatisi con il negoziatore ed il restante personale presente sul posto ha scongiurato che la vicenda avesse un triste epilogo.